CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ospedale di Terni all’avanguardia mondiale per la cura del diabete mellito

Cronaca e Attualità

Ospedale di Terni all’avanguardia mondiale per la cura del diabete mellito

Andrea Giuli
Condividi

TERNI – Presso l’azienda ospedaliera Santa Maria di Terni e l’ospedale Sandro Pertini di Roma sta procedendo con successo il reclutamento e il trattamento dei pazienti arruolati nell’innovativo studio Esinodop (Early Sleeve gastrectomy In New Onset Diabetic Obese Patients) per la cura del diabete mellito di tipo 2 in pazienti obesi di nuova diagnosi, attraverso la chirurgia bariatrica mininvasiva.

Dal mese di marzo sono stati trattati già 10 pazienti (in totale lo studio prevede l’arruolamento di 100 pazienti) e ad oggi, sia quelli trattati con chirurgia dell’obesità sia quelli sottoposti a cure mediche intensive hanno già interrotto l’assunzione di farmaci antidiabetici o hanno ottenuto importanti benefici in termini di controllo della malattia diabetica e di perdita di peso corporeo. Lo studio prevede di seguire i pazienti per un totale di 6 anni, consentendo di verificare anche gli effetti a lungo termine dei trattamenti. Il reclutamento dei pazienti invece avrà una durata di 3 anni.image

Esinodop è uno studio clinico randomizzato no profit, co-finanziato dalla stessa azienda ospedaliera di Terni e dal centro di ricerca statunitense della Johnson&Johnson di Cincinnati (Ohio), presso cui i ricercatori dell’ospedale di Terni si sono aggiudicati un grant di ricerca competitivo milionario. Partendo dall’ipotesi dei ricercatori, guidati dai dottori Amilcare Parisi e Giuseppe Fatati di Terni e dal professor Sergio Leotta di Roma, e sostenuta anche da recenti evidenze scientifiche, lo studio si prefigge, per la prima volta a livello internazionale, di investigare l’efficacia della chirurgia mininvasiva dell’obesità nella cura del diabete mellito di tipo 2, confrontandola con una terapia medica intensiva in pazienti obesi che però hanno una recente diagnosi di diabete di tipo 2 (massimo 8 mesi) e non hanno ancora sviluppato alcuna complicanza legata alla malattia diabetica.

“È un vanto per l’ospedale e per la città di Terni – ha sottolineato il direttore generale Maurizio Dal Maso – condurre un studio così importante nello scenario mondiale che potrebbe rivoluzionare la terapia del diabete mellito di tipo 2 e che sta infatti suscitando grandi aspettative nella comunità scientifica internazionale”. Infatti, il dottor Amilcare Parisi, principal investigator dello studio e il dottor Stefano Trastulli, investigatore del team di ricerca, il prossimo ottobre parteciperanno al congresso mondiale sull’obesità e le malattie metaboliche che si terrà a New Orleans.

“L’ospedale di Terni, grazie allo studio Esinodop e alla sua attività clinica e chirurgica per la cura di obesità e diabete, è diventato uno dei centri di riferimento in Italia per la cura dell’obesità e del diabete tipo 2 – dice il dottor Amilcare Parisi – e tengo a ricordare che si tratta di una ricerca totalmente no profit, vincitrice di un premio in competizione con altri progetti a livello mondiale”.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere