CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ospedale di Spoleto, bordate di Forza Italia e Due Mondi: “Cardarelli decida alla luce del sole”

Politica

Ospedale di Spoleto, bordate di Forza Italia e Due Mondi: “Cardarelli decida alla luce del sole”

Pierpaolo Burattini
Condividi

SPOLETO – “Il sindaco deve partecipare i confronti col collega di Foligno sul futuro della sanità territoriale, ma evitiamo di urlare sull’ospedale». Sul futuro dell’ospedale di Spoleto e in particolare dell’integrazione col nosocomio di Foligno, la polemica resta alta e ora dall’opposizione partono le bordate di la lista civica Due Mondi e Forza Italia. Nella nota diffusa lunedì mattina, dopo una settimana di trambusto, chiusa almeno per il fronte Bececco dalle parole del sindaco Fabrizio Cardarelli, che ne ha difeso l’operato confermandole piena fiducia, i consiglieri comunali Giampaolo Emili e Alessandro Cretoni scrivono: “Assistiamo quasi increduli al confronto in corso sul futuro del San Matteo degli Infermi ma se da una parte ci sentiamo in dovere di ringraziare ed esprimere solidarietà alle associazioni che da anni seguono e difendono le vicende del nostro ospedale, dall’altra chiediamo di evitare divisioni e strumentalizzazioni su argomenti che rappresentano un bene collettivo, in quanto tale né di destra né di sinistra”.

A seguire la bordata al sindaco Cardarelli: “Non riteniamo condivisibile leggere dai giornali che i due sindaci stiano concordando la integrazione degli ospedali senza tenere minimamente conto delle volontà di forze politiche e civili che si sono riunite ed espresse anche in quarta commissione consiliare e che non hanno avuto alcun tipo di risposta e coinvolgimento. Non abbiamo dubbi sulla azione che sta svolgendo il sindaco – precisano – ma riteniamo doveroso da parte dell’amministrazione di rendere partecipe tutta la città perché siamo convinti che solo con una vera partecipazione e trasparenza si potrà arrivare a una condivisione di progetti e percorsi utili per uscire dall’impasse, così come siamo sicuri del valore del nostro ospedale che vanta delle eccellenze e professionalità da tutelare e valorizzare”.