CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ospedale da campo e test sierologici, adesso il Pd incalza la giunta regionale

Politica

Ospedale da campo e test sierologici, adesso il Pd incalza la giunta regionale

Redazione politica
Condividi
Test sierologici
Test sierologici

PERUGIA  –  Il Pd in consiglio regionale accende i riflettori e apre il fuoco. “Sull’acquisto diretto di test sierologici per 300 mila euro e sulla vicenda dell’ospedale da campo per altri 3 milioni di euro, la Lega vuole sostituire le mascherine con dei bavagli all’opposizione”. Così i consiglieri di opposizione il capogruppo Tommaso Bori e Michele Bettarelli (Pd) che aggiungono: “altro che casa di vetro, le istituzioni tornino ad essere il luogo del rispetto e della trasparenza, non uno strumento piegato ai meri interessi di parte nel tentativo di impedire che le verità, anche quelle più scomode, vengano alla luce”.

Impedito “Quanto accaduto ieri (lunedì ndr) (https://tinyurl.com/yde25clt) durante i lavori del Comitato di Controllo e valutazione è un fatto unico nella storia del consiglio regionale a e riteniamo che meriti di essere valutato sia per gli aspetti politici che per quelli procedimentali e giuridici. Ieri – ricordano Bori e Bettarelli – i consiglieri della Lega hanno impedito lo svolgimento dei lavori, facendo mancare il numero legale, e confermando, peraltro, quanto avevano minacciato nei giorni precedenti, qualora non avessimo fornito loro anticipatamente le domande che avremmo posto sull’Ospedale da Campo e sull’acquisto dei Test nel corso delle audizioni. Pretesa inedita e inaccettabile”.

Chiarezza “Alla luce di ciò – scrivono ancora Bori e Bettarelli – avremmo voluto e vorremmo ancora sapere dal Direttore regionale alla Sanità, Dario, chi ha proposto l’acquisto di questi Test, se la Regione all’Istituto di Microbiologia dell’Azienda Ospedaliera di Perugia o viceversa. E perché si decide di procedere nonostante i dati risultassero difformi rispetto all’efficacia del test rispetto a quelli dichiarati dall’azienda produttrice. Dal capo di Gabinetto della Presidente vorremmo sapere perché invia una mail alla Protezione Civile per invitarla a prendere contatti con l’azienda distributrice dei test ai fini dell’acquisto ancor prima che arrivi la relazione dell’istituto di Microbiologia con cui si giustifica l’acquisto diretto senza gara. Infine, vorremmo sapere se la Presidente Tesei abbia mai conosciuto, prima di questi fatti, l’amministratore dell’azienda distributrice a cui viene commissionato l’acquisto diretto”.

Domande In chiusura i due consiglieri sottolineano come “ora che i consiglieri della Lega conoscono quali domande ci hanno impedito di porre ieri, nell’ambito delle audizioni del Comitato di Garanzia – aggiungono polemicamente Bori e Bettarelli -, vorremmo sapere dai consiglieri della Lega se intendono continuare a sabotare il nostro lavoro o intendono riprendere i lavori interrotti nell’ambito del Comitato di Garanzia. Vogliamo avere, finalmente – concludono -, le risposte utili a fugare ogni dubbio su dei dispositivi che continuano ed essere utilizzati nell’ambito dell’emergenza e che impattano sia sulla salute dei cittadini che sulle casse della Regione e sulle procedure per l’Ospedale da Campo”. La polemica è servita.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere