CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Orvieto, ordinanza di Tardani: viene ridotto l’orario di apertura dei locali

Cronaca e Attualità Narni Orvieto Amelia

Orvieto, ordinanza di Tardani: viene ridotto l’orario di apertura dei locali

Redazione
Condividi
Una via di Orvieto
Una via di Orvieto

ORVIETO – Il sindaco di Orvieto Roberta Tardani ha firmato una nuova ordinanza che riporta misure urgenti per contrastare gli assembramenti. Il documento è valido dal 23 maggio fino al 7 giugno e prevede diverse misure, tra cui quelle per gli esercizi di somministrazione di alimenti e bevande di osservare l’apertura dalle 6 alle24:30 tutti i giorni feriali, prefestivi e festivi. L’ordinanza prevede inoltre che “nell’ambito dei limiti suddetti ogni esercente determina liberamente il proprio orario di apertura al pubblico”.

La violazione del provvedimento è punita con una multa da 400 e 3.000 euro. L’attività di controllo svolta dalle forze dell’ordine ha rilevato, dal 18 maggio in poi, che “il protrarsi dell’attività di somministrazione di alimenti e bevande nelle ore notturne ha contribuito ad ampliare le problematiche connesse ad una compresenza eccessiva di persone, soprattutto giovani e in special modo nei casi di consumazione all’esterno di bevande anche alcoliche. L’apertura sino a tarda notte determina inevitabilmente un incremento della mobilità e la costituzione di assembramenti di persone dinanzi agli esercizi, situazione che contrasta con la ratio dei provvedimenti normativi connessi all’emergenza sanitaria”.

Il sindaco  “Da tre mesi a questa parte stiamo vivendo una situazione straordinaria legata all’emergenza sanitaria Covid-19 – afferma il sindaco Tardani – che ci ha imposto durissimi sacrifici e condizionerà la nostra vita ancora per un po’ di tempo. In questa Fase 2 che ci sta portando a un graduale ritorno alla normalità è necessario un ulteriore sforzo da parte di tutti e soprattutto un’assunzione di responsabilità nei comportamenti che sono fondamentali per continuare a contenere la diffusione del contagio e non vanificare i risultati abbiamo sin qui ottenuto. Il distanziamento sociale, l’utilizzo delle mascherine e il rispetto del divieto di assembramenti sono le uniche armi che abbiamo. E’ necessario mantenere un alto livello di prudenza e per questo ho firmato un’ordinanza che dispone temporaneamente delle limitazioni all’orario delle attività di somministrazione perché l’apertura fino a tarda notte rischia di determinare assembramenti incontrollati. Va ricordato infatti che, in virtù della liberalizzazione degli orari, oggi le attività di somministrazione di alimenti e bevande possono restare aperte h24 senza limitazioni. Questo provvedimento, deve essere chiaro, non vuole penalizzare nessuno tantomeno le categorie più colpite dagli effetti del lockdown, e non ha nessun intento punitivo se non nei confronti di chi ovviamente non rispetta le regole, in primis quelle dell’educazione. Ma in questo momento è un segnale necessario perché nessuno di noi, la città intera, può permettersi di tornare indietro. Accanto all’ordinanza, di concerto con le forze dell’ordine, saranno intensificati i controlli serali”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere