CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Orvieto, ecco il mondo di Vetrya: lavoro innovativo e servizi ai dipendenti

Extra Regione

Orvieto, ecco il mondo di Vetrya: lavoro innovativo e servizi ai dipendenti

Andrea Giuli
Condividi

ORVIETO – “I nostri dipendenti si alzano la mattina con il piacere di venire al lavoro. E, nonostante nella nostra azienda non sia previsto di timbrare il cartellino, alle undici di sera molte persone sono ancora lì”.
A parlare è Luca Tomassini che, insieme alla moglie Katia Sagrafena ha fondato Vetrya, gruppo italiano leader nel campo delle piattaforme broadband per la distribuzione di contenuti multimediali e di servizi digitali ad alto valore aggiunto.
Le buone pratiche di questa azienda con sede ad Orvieto sono state illustrate nella sala polivalente del Cesvol, durante l’incontro su “Le infrastrutture per l’economia civile” incentrato sulla relazione di Antonello Scialdone dell’Isfol.
Vetrya, 80 dipendenti con un’età media di 30 anni, ha aperto un corporate campus all’avanguardia, dove il lavoro incontra la formazione, dove è forte la collaborazione con le scuole e l’università. E soprattutto dove le mamme possono portare i figli in ufficio nell’area dedicata all’infanzia e le famiglie possono praticare sport e momenti di relax.
La sede è un campus da 20 mila metri quadri, dove si lavora all’innovazione garantendo ai dipendenti un’atmosfera accogliente.
“Niente cartellino da timbrare e niente permessi da chiedere – hanno spiegato Tomassini e Sagrafena. I nostri dipendenti sanno cosa devono fare e in che tempi, poi sono loro ad organizzare il proprio lavoro. Abbiamo assunto mamme con bambini piccoli, e invece di costringerle a scegliere un part time ci è sembrato giusto offrire loro un luogo per avere i propri figli sempre vicino, seguiti da persone competenti che li coinvolgono in giochi e attività e li aiutano a fare i compiti”.
L’attenzione alla qualità della vita dei dipendenti ha permesso a Vetrya di essere l’unica azienda italiana non multinazionale a vincere il riconoscimento del “Great Place to Work” per il 2015 e il prestigioso premio speciale Welfare.

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere