CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Offerta da Malta per acquistare il Perugia, Santopadre la respinge. Ci sono i Gaucci dietro la cordata?

Calcio Perugia Sport

Offerta da Malta per acquistare il Perugia, Santopadre la respinge. Ci sono i Gaucci dietro la cordata?

Redazione sportiva
Condividi

Massimiliano Santopadre, presidente del Perugia (foto Cerquiglini)

PERUGIA – La bomba è uscita forte sui vari quotidiani, nella mattina di domenica: una cordata italo-maltese si è incontrata a Fiano Romano con Massimiliano Santopadre, tramite l’intermediario, il procuratore Dario Canovi, per provare ad acquistare il Perugia. Ma il patron biancorosso avrebbe respinto l’offerta perchè troppo bassa.

Canovi. Il mediatore ha confermato: “Ho un mandato da una grossa e importante società finanziaria italo-maltese che vuole comprare un club di calcio di in Italia per questo ho contattato Santopadre, pensando al Perugia per i miei trascorsi in Umbria, un luogo che amo. Ma il presidente non ha intenzione di vendere. Ognuno è padrone a casa sua e mai io vorrei forzare la mano se lui non vuole. Posso dire che si tratta di un cliente serio che possiede una finanziaria importante e ritiene giusto investire nel calcio in Italia. Avevamo pensato che Perugia potesse essere la sede giusta, ora ci rivolgeremo altrove perché di società in vendita ce ne sono“.

Secondo quanto riportato da La Nazione, Il Messaggero ed il Corriere dell’Umbria, Santopadre pare non sapesse nulla delle intenzioni degli emissari, altrimenti forse non li avrebbe ricevuti. Il Perugia, insomma,.non sarebbe in vendita, a meno ovviamente di offerte clamorose.

A volte ritornano? Grifotube, il portale di notizie e video, svela un altro dettaglio clamoroso. Dietro la cordata potrebbero esserci i Gaucci: a Malta vive Riccardo, che è il proprietario del Floriana fresco campione nazionale e che proprio nei giorni scorsi ha incontrato il sindaco di Pietralunga Mirko Ceci con l’intenzione di portare i suoi in ritiro nella città altotiberina. Ma anche Alessandro potrebbe essere coinvolto.Di sicuro, serve un’offerta più grande