CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Un nuovo viaggio romano per Tesei: adesso scatta la roulette sulla Giunta

EVIDENZA Perugia Terni Politica Extra

Un nuovo viaggio romano per Tesei: adesso scatta la roulette sulla Giunta

Pinocchio
Condividi

La presidente Tesei

PERUGIA – Ci siamo per sabato? Forse. Anzi, no. Ci siamo per martedì? Forse, anzi no. Ci siamo per domani? Sicuramente. Chissà. Quella sulla composizione della giunta regionale con il passare delle ore sta diventando un vero e proprio tormentone. Con tanto di ‘voci’ che escono ed entrano dai Palazzi come nei miglior film gialli o nelle peggiori commedie. Nel frattempo il nervosismo sale all’interno dei partiti della coalizione e sale anche l’impazienza della presidente Tesei che anche nella giornata di lunedì non ha fatto altro che parlare al cellulare e convocare persone nel suo studio a Palazzo Donini. Ma a ieri sera, la morale è restata invariata: sul quadro complessivo l’accordo ancora non c’è tanto che oggi la presidente sarà ancora a Roma per incontrare sia Matteo Salvini che Giorgia Meloni. E nella coalizione a microfoni spenti c’è chi la mette così: “Se gli umbri ci hanno dato questo consenso e noi rimettiamo sulla scena gli stessi tira e molla del centrosinistra, non è che cominciamo nel migliore dei modi…”.

Pressing  Il motivo del nuovo viaggio nella Capitale? La Lega umbra, con il suo segretario regionale e deputato Caparvi, sembra essere di nuovo tornata all’attacco per avere tre assessori e non due o comunque se va per due con la presenza di Paola Fioroni in Giunta e non di Daniele Carissimi come invece è nei desiderata della presidente. A questo va aggiunto la pressione di Fratelli d’Italia già manifestata nel vertice di sabato a Bastardo quando il partito di Giorgia Meloni ha aperto un vero e proprio fuoco di sbarramento sul nome dell’assessore al Comune dei Perugia Michele Fioroni.

Alternative I meloniani non lo vogliono e tantomeno lo riconoscono come loro e dunque alla presidente è stato avanzato il nome dell’ex assessore di Assisi Moreno Fortini o in subordine della perugina Sciurpa o dell’attuale assessore a Terni Proietti. E anche qui la presidente ha cercato di tenere botta sul nome di Fioroni per tutta la giornata di ieri ma la situazione si è complicata con il passare delle ore. Al momento gli unici davvero non in bilico sembrano essere Roberto Morroni di Forza Italia e Paola Agabiti della lista civica della stessa presidente Tesei. Il nodo delle dimissioni da consigliere per coloro che entrano in Giunta? Anche qui si naviga a vista e gli scenari mutano con il passare delle ore. Ormai, come capite, siamo alla roulette. E l’impressione è che se la presidente Tesei non tiene duro rischia di ritrovarsi con una giunta regionale che non rispecchia in pieno i suoi desideri. Mercoledì si chiude la partita? Molto probabilmente si. Ma il condizionale è ormai più che mai obbligato.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere