CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Norcia, uccise l’amico con un pugno: trasferito a una comunità di recupero

Cronaca e Attualità Foligno Spoleto Extra EVIDENZA2

Norcia, uccise l’amico con un pugno: trasferito a una comunità di recupero

Redazione
Condividi

Emanuele Tiberi, la vittima

PERUGIA – Cristian Salvatori, in carcere per aver ucciso con un pugno il coetaneo Emanuele Tiberi, sara’ trasferito dal carcere a una comunita’ di recupero di Rimini. Lo ha deciso il tribunale del Riesame di Perugia che ha accolto l’istanza degli avvocati Francesco Crisi e David Brunelli, concedendo al giovane gli arresti domiciliari nella comunita’ romagnola. L’uomo era in carcere dalla fine di luglio con l’ accusa di omicidio preterintenzionale dopo aver sferrato un pugno a Tiberi, all’uscita di un locale di Norcia, causandone la morte.

Difesa Gli avvocati della difesa avevano affermato la necessita’ per Salvatori di seguire un percorso di recupero in una comunita’ , obiettivo che oggi e’ stato raggiunto. I giudici del Riesame hanno confermato la ricostruzione della procura, basata sulle testimonianze degli avventori del pub, secondo la quale tra i due uomini quella sera si sarebbe instaurata una sorta di gioco a chi colpiva l’altro piu’ forte, davanti a tifosi che li incitavano.

Sfida Una sfida finita in tragedia a causa di un pugno che per Tiberi rivelato fatale. Ora il collegio ha riconosciuto la richiesta dei legali dell’ indagato, affermando che la figura di Salvatori non potrebbe “essere equiparata a quella di un pericoloso assassino bensi’ a quella di un soggetto indubbiamente caratterizzato da un’ aggressivita’ di fondo, vieppiu’ emergente, e non controllabile, in caso di inadeguato consumo di sostanze alcoliche”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere