CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Norcia, il ministro della Difesa Pinotti in visita a sfollati e militari. Il premier Gentiloni riconferma: “La ricostruzione post sisma è prioritaria”

EVIDENZA Cronaca e Attualità Foligno Spoleto Extra Città

Norcia, il ministro della Difesa Pinotti in visita a sfollati e militari. Il premier Gentiloni riconferma: “La ricostruzione post sisma è prioritaria”

Redazione
Condividi

Il ministro Pinotti in visita a Norcia

NORCIA – Stamani visita del ministro della Difesa, Roberta Pinotti, nella città di San Benedetto. Al suo arrivo il ministro ha salutato e ringraziato una rappresentanza di militari, e ha voluto visitare la mensa  che assicura 1200 pasti al giorno. A seguire ha incontrato i cittadini  e un folto gruppo di giovanissimi studenti con il corpo insegnante. La titolare della Difesa nella cittadina umbra ha incontrato  i 400 militari che prestano servizio nella località ma anche rappresentanti dei contingenti impegnati in tutta la zona. La Difesa infatti schiera personale ad Amatrice, Rieti, Spoleto, Foligno, Visso, Città Reale e diverse altre località dove il lavoro dei professionisti con le stellette, in coordinamento con le diverse articolazioni dello Stato, ha contribuito ad alleviare la situazione delle popolazioni colpite dal sisma. “Il ringraziamento che ho ricevuto -sono le parole del ministro dalla mensa allestita dall’Esercito- è rivolto ai tanti militari che operano con attenzione e professionalità sin dal primo giorno, ma lo voglio estendere a tutte le componenti dello Stato che sono qui impegnate, facendo squadra contro un comune problema”.

L’impegno La Difesa, con i suoi innumerevoli assetti, già impegnata nelle aree di Amatrice ed Accumuli dal 25 di agosto, ha incrementato  il suo dispositivo schierando assetti del Genio, logistici e di supporto alle operazioni anche nella zona di Norcia nell’immediatezza del sisma. Oggi sono quasi duemila gli uomini delle Forze Armate e dei Carabinieri che operano in maniera diretta o a supporto delle operazioni a favore delle aree terremotate in attività di ricostruzione, di supporto alla popolazione e di anti-sciacallaggio. Personale schierato anche ad Amatrice, Rieti, Spoleto, Foligno, Visso, Cittareale e diverse altre località dove il lavoro dei professionisti con le stellette, in coordinamento con le diverse articolazioni dello Stato, ha contribuito ad alleviare la situazione delle popolazioni colpite dal sisma. Tra i primi lavori effettuati dal personale militare  ci sono i lavori di urbanizzazione del sito iniziati il 29 novembre. In breve tempo è stata consegnata la prima piazzola per la messa in opera dei moduli abitativi. I militari dell’Esercito hanno svolto la cosiddetta “urbanizzazione speditiva”, ovvero la realizzazione dell’area di sedime e la predisposizione ai servizi, come fognatura e utenze.

Ferita Il terremoto, ‘graffio della terra’, ha inferto ferite profonde e spesso indelebili al patrimonio francescano umbro-marchigiano, ma anche laziale. Ai danni provocati dal sisma di agosto e di ottobre è interamente dedicato l’ultimo numero del trimestrale on line ‘Il sentiero francescano’, periodico di francescanesimo umbro-marchigiano con un ampio reportage fotografico. “Una mappa delle località francescane che hanno subito danni” la definisce nell’editoriale il direttore Diego Mecenero. Il periodico online elenca le chiese intitolate a san Francesco a Norcia, Amatrice e Accumoli e vari monasteri delle Clarisse fra le tre regioni, ma sono una trentina le località citate delle Marche, non a caso definite ‘la terra dei Fioretti’ per la ricchezza di siti di interesse francescano.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere