CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Semaforo verde per Fondazione Umbria Film Commission: il Comune di Terni tra i fondatori

Terni Cultura e Spettacolo

Semaforo verde per Fondazione Umbria Film Commission: il Comune di Terni tra i fondatori

Redazione cultura
Condividi
Gli studios di Papigno
Gli studios di Papigno

TERNI – Una buona notizia per l’intera città: Terni aderisce alla Fondazione Umbria Film Commission. Il consiglio comunale infatti con 24 voti a favore e 7 astenuti ha deliberato l’adesione del Comune, in qualità di socio fondatore, alla Fondazione Umbria Film Commission, approvandone anche lo Statuto.

Impegno Come stabilito dallo Statuto, il contributo economico che il Comune di Terni dovrà conferire al fondo di dotazione, all’atto della costituzione della fondazione, è di 6.000 euro, successivamente la quota annuale prevista per la gestione ammonta ad 0,20 centesimi per abitante corrispondenti, sulla base dell’ultimo censimento, a 22.149,80 euro. Nel maggio 2019 la Regione aveva deliberato di predisporre un progetto organico per la costituzione, il funzionamento e le attività della Fondazione e a novembre 2019, aveva affidato ad Anci Umbria la redazione di un piano pluriennale finalizzato a rappresentare le strategie di sviluppo della Film Commission umbra. Sulla base di questo studio la Regione aveva avviato un’interlocuzione con i Comuni di Perugia, di Terni e con l’Anci Umbria per verificare la possibilità di costituire congiuntamente la fondazione di partecipazione Umbria Film Commission, arrivando anche alla redazione di una bozza condivisa di statuto.

Giuli L’atto è stato illustrato dal vicesindaco con delega alla Cultura Andrea Giuli: “Il cinema e l’audivisivo sono assett di sviluppo potenzialmente importanti per il nostro territorio, anche alla luce del recente passato. Il consiglio comunale va all’approvazione dell’atto formativo della fondazione con il Comune di Terni tra i fondatori. Lo statuto prevede la presenza della regione, dei Comuni di Perugia e Terni e dell’Anci. Il cda prevede la presenza di cinque membri, uno dei quali sarà del Comune di Terni, al pari di Perugia. Il direttore verrà individuato con una procedura pubblica. Ciò che rende particolarmente serio questo atto fondantivo e la presenza di un fondo che dia attrattività al territorio regionale alla produzione audio video. Come Ternani puntiamo molto sul rapporto tra gli ex studios di Papigno, il Cmm e la nascenda Umbria film commission”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere