CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Narni, tagli all’Alcantara nonostante gli investimenti: “Fare chiarezza”

Economia ed Imprese Narni Orvieto Amelia

Narni, tagli all’Alcantara nonostante gli investimenti: “Fare chiarezza”

Redazione economia
Condividi

NARNI – Malumore all’Alcantara. Nonostante i recenti investimenti e l’inaugurazione, con tanto di presenza dei vertici giapponesi, di un secondo stabilimento all’interno del perimetro della fabbrica, la possibile decisione dell’azienda chimica torna a far preoccupare.
La notizia è stata riportata dal gruppo consiliare di opposizione Tutti per Narni ed ha trovato conferme presso i sindacati: la società non avrebbe intenzione di rinnovare 40 contratti a termine. Un fatto che sorprende se si considera che stiamo parlando forse della più florida azienda del territorio dopo Ast: 197 milioni di fatturato nel 2018 (il triplo in nove anni), gran parte all’estero.

“Il mercato delle auto, con il quale Alcantara lavora (sforna prevalentemente rivestimenti ndr), è in flessione e questa potrebbe essere una delle motivazioni”, dice Fabrizio Framarini della Femca Cisl che poi aggiunge: “Alcuni dei contratti magari erano legati a commesse straordinarie e forse per questo non verranno riconfermati. Di contro però abbiamo visto parecchi contratti a tempo determinato trasformati in indeterminato. Per questo teniamo alta l’attenzione”.

Ampliamento Proprio in occasione del citato ampliamento, l’azienda aveva spiegato di avere investito 103 milioni di euro, con 70 assunzioni da spalmare nel biennio fra ricercatori, processisisti e tecnici specializzati, con l’obiettivo di salire da 800 dipendenti entro il 2023 sui 552 totali attuali. Ora questa possibilità getta qualche timore. “Chiediamo all’azienda – dice Tutti per Narni – che è un fiore all’occhiello della città, di dare notizie su questo fronte. Il sindaco e la Giunta chiedano un incontro”

 

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere