CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Narni piange don Luigi Pallottini, il prete ‘dei campesinos’ amico di Che Guevara

Cronaca e Attualità Narni Orvieto Amelia

Narni piange don Luigi Pallottini, il prete ‘dei campesinos’ amico di Che Guevara

Redazione
Condividi

NARNI – Nella mattina di sabato 26 dicembre è morto, all’età di 86 anni, monsignor Luigi Pallottini, sacerdote diocesano, cappellano di Sua Santità, canonico emerito del capitolo della concattedrale di Narni. Un sacerdote mite e umile, sempre presente con la sua amabilità e bonarietà tra le persone della comunità che gli era stata affidata, che ne ha apprezzato le doti umane e spirituali. La missione evangelizzatrice è stata sempre al centro del suo ministero che ha svolto a Configni, Calvi e Narni, ma anche in terre lontane, in Cile, dove è stato missionario per diversi anni, mostrando umanità e solidarietà verso i più deboli e bisognosi, alle famiglie e ai giovani. Laureato in lingue straniere, si è dedicato all’insegnamento dello spagnolo negli istituti superiori di Terni ed è stato anche archivista del capitolo di Narni.

Il profilo Don Luigi era nato a Narni, ma originario di Calvi dell’Umbria il 2 novembre 1934, ha svolto gli studi presso il seminario diocesano di Narni e poi presso il Pontificio seminario regionale Umbro “Pio XI” di Assisi. È stato ordinato sacerdote il 29 giugno 1957 da monsignor. Giovanni Battista dal Prà. All’inizio del suo ministero, è stato vicerettore del seminario diocesano a Narni, vicario parrocchiale a Sangemini e parroco a Configni. È stato missionario in Cile per lungo tempo, dal 1965 al 1972 e dal 1974 al 1977.  In quegli anni strinse un’amicizia con Che Guevara, situazione che gli valse il soprannome di prete rivoluzionario. Il suo nome arrivo alle orecchie di Oriana Fallaci, la grande giornalista dell’Europeo: prese l’aereo e lo andò a trovare nei villaggi della foresta pluviale, dove faceva da base per la sua missione e lo intervistò, parlando dello sfruttamento di Campesinos. Situazione che gli costò anche una minaccia da parte degli squadroni della morte.

Le parrocchie Rientrato definitivamente in Italia, ha svolto il ministero di parroco a Calvi dell’Umbria per 11 anni e a Ponte San Lorenzo di Narni per quasi 30 anni. A lui sono state affidate per brevi periodi, come amministratore parrocchiale, le parrocchie di Narni di Santa Maria di Testaccio e Santi Faustino e Giovita. Il funerale sarà celebrato lunedì 28 dicembre alle ore 14.30 nella chiesa di San Lorenzo martire a Ponte san Lorenzo di Narni, presieduto dal vescovo Giuseppe Piemontese.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere