mercoledì 4 Agosto 2021 - 14:31
20.3 C
Rome

Narni, la vittoria di don Rossini: Duomo riaperto. Ma c’è la grana dei lavori

Il vescovo ha deciso di restituire al culto la Cattedrale, che però necessità di lavori urgenti su quelle crepe preesistenti che erano state motivo del contenzioso. A chi spetterà l'onere?

NARNI – Don Sergio Rossini per ora ha vinto. La Cattedrale di Narni ha riaperto al culto. Alla fine, la battaglia del parroco per vedere riaperta la chiesa che non aveva riportato danni dopo il sisma, anche contro il consiglio “prudenziale” del Vescovo è andata a segno. Malumori erano serpeggiati in città e forse alla fine la scelta di monsignor Piemontese di riaprire la chiesa al culto li ha messi a tacere.

Anche grazie, probabilmente, ad ulteriori controlli che sono stati fatti ieri che avrebbero in sostanza confermato quelli del primo sopralluogo: nessun danno diretto dalle scosse e dunque piena agibilità per la chiesa, i problemi che ci sono sono preesistenti e riguardano il tetto e le volte. E’ qui che probabilmente  si apre la nuova partita. Chi dovrà fare i lavori, che a detta di don Sergio Rossini sono abbastanza urgenti? Il Comune? La Diocesi? Magari se ne saprà di più domattina. Monsignor Piemontese ha indetto una conferenza stampa per la chiusura dell’anno giubilare, ma è difficile credere che non si parlerà in qualche modo anche delle chiese tuttora chiuse (San Pietro, San Martino e Santa Maria degli Spiazzi a Terni) e di questa ulteriore situazione.

 

- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

Emanuele Lombardini
Giornalista, cittadino d'Europa

More articles

- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

Agi