martedì 28 Giugno 2022 - 20:04
26 C
Rome
- Pubblicità -spot_img

Narni al voto, centrodestra unito su Cecilia Cari: “Una sfida per il cambiamento”

Lega, Fi, Fdi, Rinascimento e Civici a supporto della commerciante 53enne: "Sogno di essere primo cittadino, non ho paura"

NARNI – Dopo non poco tergiversare, la scelta: Cecilia Cari è la candidata sindaco del centrodestra unito a Narni che lancia lo slogan ‘Il coraggio di cambiare’. È stata presentata sabato mattina a Narni la proposta che vede uniti Lega, Forza Italia, Fratelli d’Italia, Rinascimento con Sgarbi e Civici a supporto della commerciante 53enne, laureata in Scienze politiche, già candidata consigliere comunale con la lista Gianni Daniele cinque anni fa ma non eletta, dice: “Sogno una Narni che sia il borgo più bello dell’Umbria, una città in grado di ascoltare, confrontarsi e decidere. Il coraggio di cambiare – ha aggiunto – non è solo il nostro slogan, ma la nostra linea guida. Coraggiose sono le giovani coppie che fanno figli, i dipendenti che sopportano, gli imprenditori che resistono e si fanno in quattro per pagare i lavoratori. Chi cade e sa rialzarsi. Serve a Narni il coraggio, soprattutto di cambiare. Il cambiamento – dice – può essere ricco di stimoli”.

Coalizione compatta

Agli Scolopi in piazza dei Priori, presenti numerosi esponenti delle forze politiche coinvolte nel progetto. La prima a prendere la parola Eleonora Pace di Fratelli d’Italia: «Oggi rivivo l’emozione di cinque lunghi anni fa. In questo periodo abbiamo in questo territorio ricompattato la coalizione e c’è chi si è battuto dai banchi dell’opposizione a questo scopo. E questa coesione che proponiamo si contrappone a chi invece ha lavorato evidentemente per dividersi e ora usa la scusa delle primarie per nascondere le spaccature». Pace dura con i Cinque stelle: «Hanno un solo rappresentante che fa manifesti senza simbolo, forse si vergogna di aver fatto alleanze col Pd di Bibbiano».

Il coraggio di cambiare

Sergio Bruschini, coordinatore provinciale Fi: “Dopo 75 anni sarebbe sano avere un’alternanza politica sin qui mancata. La nostra forza è l’unione. Abbiamo fatto opposizione dura ma abbiamo lavorato con dignità. Tanti i progetti rimasti sulla carta, il piano triennale delle opere pubbliche non trova attuazione e viene ciclicamente riproposto” dice riferendosi alla amministrazione attuale. Ed ecco servita l’esortazione al coraggio di cambiare. Poi è la volta di David Veller della Lega che anziché incentrare l’intervento sulla coesione tra le forze parla del radicamento del Carroccio sul territorio e dell’impossibilità di andare al mare il 12 giugno “perché a Narni si vota. Grazie a Cecilia Cari – ha detto – per essersi messa a disposizione, lavoreremo unitariamente – dice poi rimarcando comunque il lavoro di squadra – per vincere l’astensionismo. Supporteremo la candidata in questo percorso e crediamo nell’alternanza democratica. Tre le grandi gambe che vanta la città di Narni – ha aggiunto -: vocazione turistica, vocazione rurale, vocazione industriale. Quest’ultima deve essere rispettosa dell’ambiente” ha sottolineato.

Centrodestra unito

Deciso il deputato Fi Raffaele Nevi nel sostegno a Cari: “Abbiamo l’opportunità di avere tutte le amministrazioni dalla parte del centrodestra per interloquire col governo coesi ma dobbiamo farlo con un’idea in testa e dei progetti pronti, che favoriscano sempre più nuove attività perché gli imprenditori trovino nel Comune un partner per sviluppare le proprie idee e non un antagonista. La comunità di Narni merita attenzione, rispetto e opportunità”. A supporto della Cari anche una lista civica rappresentata da Giovanni Ceccotti: “Abbiamo l’opportunità di offrire quel cambiamento che la città si aspetta e sono entusiasta del fatto che la candidata sindaco sia espressione del civismo”.  Presente anche il consigliere regionale della Lega Daniele Carissimi: “Narni è la porta dell’Umbria del Sud e può giocare un ruolo da protagonista perché diversamente da altri borghi ricchi di bellezze vanta anche una vocazione industriale che la eleva rispetto ad altri. Coraggio, cambiare e grazie le parole chiave”. Il centrosinistra stabilirà il suo candidato a sindaco dopo il responso delle primarie in programma domenica.

- Pubblicità -spot_img

More articles

Ultime Notizie

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

[hungryfeed url="http://www.agi.it/cronaca/rss" feed_fields="title" item_fields="title,date" link_item_title="0" max_items="10" date_format="H:i" template="1"]