CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Muore per ischemia ma dona i suoi organi che salvano la vita a quattro persone

EVIDENZA Perugia

Muore per ischemia ma dona i suoi organi che salvano la vita a quattro persone

Redazione
Condividi
Un intervento all'ospedale di Terni
Un intervento all'ospedale di Terni
PERUGIA – Quando la generosità non è solo una parola. Sono stati destinati a quattro pazienti in attesa di trapianto gli organi prelevati nei giorni scorsi a Perugia da una donna, ricoverata nel reparto di Rianimazione per una emorragia ischemica, deceduta all’ospedale Santa Maria della misericordia. Grazie al gesto dei famigliari della 60enne, una equipe di professionisti (tra i quali anche alcuni specializzandi) ha fatto quello che l’ospedale definisce “uno straordinario intervento” di prelievo e trapianto: “Nello specifico – informa il Santa Maria – la sinergia tra le tre strutture chirurgiche ha permesso di effettuare il prelievo e il trapianto di reni su due pazienti di 54 e 59 anni, residenti nelle provincie di Perugia e di Campobasso, senza alcuna ripercussione sulla normale attività assistenziale”. Le condizioni dei due pazienti vengono definite stazionarie e in progressivo miglioramento.
Riconoscenza  “Inoltre – prosegue l’ospedale – sono stati prelevati anche fegato e polmoni impiantati a pazienti ricoverati negli ospedali di Ancona e Torino, individuati attraverso il Centro regionale trapianti, in collegamento con il Registro nazionale. Nella complessa attività effettuata è stato calcolato che sono stati coinvolti oltre 40 tra medici, personale infermieristico e tecnici di laboratorio”. Il commissario straordinario dell’Azienda ospedaliera, Antonio Onnis, ha voluto esprimere la propria riconoscenza ai familiari della donatrice, il cui gesto ha reso possibile restituire la vita a più pazienti in attesa di trapianto; Onnis ha anche ringraziato i professionisti impegnati “per lo spirito di cooperazione dimostrata che ha consentito, pur in una situazione di eccezionale impegno, di assicurare la normale conduzione delle attività assistenziali”.
Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere