CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Montefalco Sagrantino 2016, un annata davvero eccezionale e produzione in crescita

Economia ed Imprese Foligno Spoleto

Montefalco Sagrantino 2016, un annata davvero eccezionale e produzione in crescita

Redazione economia
Condividi
Una vigna di Sagrantino
Una vigna di Sagrantino

MONTEFALCO – “Il Sagrantino sta vivendo una rinascita. I viticoltori stanno dimostrando che è iniziata una nuova era per questo vino, tra i più ricchi e potenti d’Italia, che porterà a una crescita di interesse da parte di critica e consumatori”. Parola di  Thomas Hyland che dalle pagine della rivista Forbes racconta da tempo il vino italiano agli americani. Un’altra conferma per questo vitigno ora è arrivata anche dalla due giorni a Montefalco in occasione di Anteprima Sagrantino 2016, con 40 cantine che hanno espongono centinaia di etichette per celebrare un’annata eccezionale: è questa infatti la valutazione sulla 2016 dopo il giudizio delle Commissioni interna ed esterna (quest’anno composta da Daniele Cernilli e Matteo Zappile, figure di primissimo piano nel mondo del vino italiano) e degli operatori.

Cinque stelle Cinque stelle e un punteggio di 95/100 per un’annata dalle potenzialità splendide, con vini ricchi di materiale colorante, ottima struttura e componente acida molto interessante, tutti presupposti per vini eleganti, setosi e destinati ad un lungo invecchiamento. Per Anteprima Sagrantino 2016, evento organizzato dal Consorzio Tutela Vini Montefalco in collaborazione con Anna7Poste Eventi & Comunicazione, un bilancio quindi decisamente importante, che si aggiunge ai dati positivi sulle denominazioni del territorio, Montefalco Sagrantino Docg, Montefalco Doc e Spoleto Doc, con circa sei milioni di bottiglie prodotte per un incremento di circa il 10%.

Produzione All’andamento quantitativo generale si aggiunge la crescita del Montefalco Sagrantino: nei 25 anni di Docg la superficie di vigneto iscritta a Docg ha visto un incremento dal 1992 (66 ettari) al 2018 (760 ettari), mentre dal 2000 ad oggi la produzione del Sagrantino è quasi triplicata: da 660 mila a circa 1.5 milioni di bottiglie. I viticoltori della Doc Montefalco e Docg Montefalco Sagrantino sono oggi 164, i produttori imbottigliatori dei vini di Montefalco sono 75. Nel 2019 la produzione di Montefalco Sagrantino Passito Docg ha rappresentato circa il 7% della Docg totale, con un aumento in termini di produzione del +17% rispetto all’anno precedente. All’interno della Doc Montefalco, nel 2019 la produzione dei vini bianchi ha rappresentato il circa il 10% della Doc. In particolare il Montefalco Grechetto Doc ha rappresentato circa l’8%, mentre, il Montefalco Bianco Doc il 2%. All’interno della DOC Montefalco, nel 2019 la produzione dei vini rossi ha rappresentato circa il 90% dell’intera produzione. In particolare il Montefalco Rosso Riserva DOC ne ha rappresentato circa il 5%. Il valore dell’export rappresenta circa il 35%, in particolare verso Stati Uniti, Germania, Giappone, Inghilterra, Svizzera, Cina ed altri 40 paesi.

Anteprima Le attività di Anteprima Sagrantino 2016 hanno fatto registrare un successo crescente, sia nell’interesse della stampa nazionale ed internazionale che degli operatori. Numerose le iniziative in programma nei due giorni centrali dell’evento: tasting tecnico per stampa e operatori (in assaggio oltre alla nuova annata di Montefalco Sagrantino Docg secco e passito, anche Montefalco Rosso, Montefalco Rosso Riserva, Montefalco Bianco Doc, Montefalco Grechetto Doc, Spoleto Trebbiano Spoletino Doc), eventi e visite in cantina, Masterclass, degustazioni tematiche e momenti conviviali riservati a stampa e aziende. I giornalisti europei – tutti grandi conoscitori di vino provenienti anche da Russia, Danimarca, Polonia, Belgio e Svizzera – sono stati accolti anche nelle cantine in questi giorni e hanno mostrato grande apprezzamento per la versatilità dei vini. Insomma, il Sagrantino va a gonfie vele.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere

Prossimo