CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Montecchio arricchisce l’elenco dei Borghi umbri più belli d’Italia

Cronaca e Attualità Narni Orvieto Amelia

Montecchio arricchisce l’elenco dei Borghi umbri più belli d’Italia

Redazione
Condividi

MONTECCHIO – Il Comune di Montecchio ha ricevuto ufficialmente la bandiera che ne segna l’ingresso fra i Borghi più belli d’Italia Umbria. Un lavoro durato quasi tre anni e che è sfociato nel riconoscimento ufficiale.  A consegnarla il presidente nazionale del club, Fiorello Primi, e il coordinatore regionale Umbria, Antonio Luna, alla presenza delle istituzioni regionali e dei sindaci dei comuni appartenenti ai Borghi e dell’assessore regionale Fernanda Cecchini e la presidente dell’assemblea legislativa Donatella Porzi. A proposito dell’ingresso di Montecchio, il sindaco ricorda come questo sia il frutto di un lungo lavoro e di un costante impegno a partire dal 2015 per adeguare il capoluogo ai rigidi criteri previsti dal club per l’ingresso nei Borghi d’Italia.

Da allora, sottolinea il sindaco Federico Gori, l’amministrazione comunale ha profuso il proprio impegno per migliorare il paese sotto molti punti di vista, tra cui quello estetico e dell’accoglienza. Sempre il primo cittadino sottolinea poi che questo  non è un punto di arrivo ma di partenza che dovrà inevitabilmente coinvolgere tutta la comunità.

Progetto Intanto si è iniziato dalle scuole. Gli studenti della secondaria di primo livello di Montecchio hanno presentato un progetto fotografico e didattico volto alla scoperta del territorio e alla sua promozione. Si tratta, specifica l’amministrazione comunale, della prima volta che il club dei Borghi più belli d’Italia coinvolge le scuole, grazie ad un’idea nata dal confronto con il presidente Primi ed il sindaco per rendere i ragazzi cittadini attivi, attenti e consapevoli, sviluppando in essi il senso di appartenenza e amore per il territorio in cui sono nati.

Aspetti Ogni alunno ha elaborato un tema descrittivo del proprio paese riportando gli aspetti positivi ma anche quelli negativi, come la posizione, la strutture, le iniziative locali e i servizi. La scrittura è stata libera in modo tale che ogni studente potesse esprimere le proprie considerazioni su diversi aspetti della vita del paese. Il lavoro è corredato da un reportage fotografico dove gli alunni hanno fotografato scorci e angoli del borgo condividendo le loro considerazioni per presentare proposte che dal loro punto di vista serviranno da stimolo per il miglioramento del centro storico.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere