CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Mentalità e coraggio, primi applausi per il nuovo Perugia

Cronaca e Attualità EVIDENZA2

Mentalità e coraggio, primi applausi per il nuovo Perugia

Redazione sportiva
Condividi

di Libero Vecchia Maniera

Questione di mentalità. Questione di atteggiamento. Questione di volontà. Con un ritmo incalzante ed il piacere, quello autentico, del divertimento in campo, il Perugia all’esordio ha strappato applausi e consensi. Una squadra veloce, equilibrata tra i reparti, sempre protesa in avanti alla ricerca della porta avversaria. Malgrado davanti a sé ci fosse il Cesena di Drago, abituato a lasciare briciole agli avversari nelle sfide casalinghe. Invece a fare la voce grossa è stato il nuovo Grifo di Bucchi, che lascia intravedere subito una impronta decisa nel modo di interpretare la partita. Fraseggi precisi, palleggio ordinato e ficcante, movimento continuo con e senza palla. E mai come in questa circostanza la beffa del gol subito nel finale non fa troppo male, perché l’identità che questa squadra sta costruendo, evidenziata con gli attacchi continui anche dopo il vantaggio di Guberti, può solo far sorridere. Gli applausi convinti dei tifosi biancorossi a fine gara legittimano una prestazione sontuosa per mole di gioco espressa e qualità della manovra impreziosita da giocate individuali di spessore. Una squadra bella e divertente, come da tempo non si ammirava. Questo è solo il primo piccolo passo di una lunga strada da percorrere, ma intanto la sensazione dopo il pareggio dell’esordio ci consegna un Perugia che si è messo in cammino con le idee chiare, con coraggio, deciso ad arrivare al traguardo senza troppe scorciatoie. Ma direttamente dalla strada principale, quella del gioco attraverso il quale si dovranno costruire le vittorie.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere