CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Orte-Falconara, Melasecche: “Sul raddoppio serve uno studio accurato”

Cronaca e Attualità Regione

Orte-Falconara, Melasecche: “Sul raddoppio serve uno studio accurato”

Redazione
Condividi

TERNI – “E’ necessario uno studio che rilevi in modo scientifico gli aspetti tecnici e quelli economici inerenti il raddoppio della linea ferroviaria Orte-Falconara e dell’ipotesi di variante che da Fossato di Vico colleghi aeroporto, Perugia e poi Foligno, e per questo ho interessato e sollecitato Rete Ferroviaria Italiana”. E’ quanto afferma l’assessore regionale alle infrastrutture e trasporti Enrico Melasecche. “Recentemente – ha proseguito Melasecche – è stata avviata una corrispondenza fra le Regioni Umbria e Marche, coinvolgendo poi anche il Lazio, nei confronti del ministro De Micheli per la firma di un protocollo d’intesa con lo stesso Ministero dei trasporti ed RFI che solleciti, dopo decenni di inconcludenti discussioni, il completamento del raddoppio del binario che porterebbe vantaggi indiscutibili e sviluppo alle tre regioni ma all’Umbria in particolare”.

Studio “Al fine di dirimere, una volta per tutte, i dubbi che esistono in merito ai possibili tracciati – ha dichiarato l’assessore -, ho sollecitato allora RFI ad effettuare uno studio che rilevi in modo scientifico gli aspetti tecnici e quelli economici inerenti tale realizzazione, in modo tale da non farci trovare impreparati nel caso in cui le nostre istanze dovessero trovare accoglimento da parte del Governo che per bocca di vari suoi rappresentanti in visita in Umbria ha mostrato disponibilità al riguardo”.

Dubbi A chiudere Melasecche sottolinea di “aver inviato una specifica richiesta ai vertici di RFI in modo da dirimere quanto prima tutti i dubbi del caso perchè nessuna occasione di possibile sviluppo può essere tralasciata. Appena avremo una risposta, supportata dalle opportune analisi – ha concluso l’assessore Melasecche – apriremo un confronto pubblico per decidere definitivamente ed irrevocabilmente perché mentre le altre regioni corrono l’Umbria non può rimanere a guardare ma deve correre ancor più veloce”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere