CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Masterchef 10, Monir Eddardary tra frutti esotici e rabbia, ma avanza ancora

Foligno Spoleto Extra

Masterchef 10, Monir Eddardary tra frutti esotici e rabbia, ma avanza ancora

Redazione cultura
Condividi

Avanza ancora Monir Eddardary, il ventinovenne bevanate a Masserchef10, in una puntata ricca di emozioni che ha evidenziato qualche limite caratteriale per il giovane.

La mistery box stavolta è stata con sopresa perchè c’erano nove ingredienti esotici (l dragon fruit, il mangostano, il Jack fruit, kiwano, la sapodiglia, il zapote, il pepino, il feijoa, la guanabana) con il decimo, il longan portato da Jeermy Chan, chef con una stella Michelin a Londra. Molti di questi frutti sono noti sia a Monir che ad Eduard, perchè ricordano le loro origini rispettivamente marocchina e dominicana

Bisogna abbinare il longan ad uno dei 10 frutti e Monir non è fra i tre migliori. Si va all’invention test che è una sfida a coppie ma a staffetta: Monir viene abbinata dalla vincitrice della sfida precedente Azzurra ad Antonio. Il tema è un piatto di Chan he restituisca l’idea della comunicazione e dello scambio in cucina. “Gli opposti si attraggono” è la loro creazione che rientra nei tre migliori, ma non è il prescelto vittorioso.

Nella sfida in estera, le due squadre devono lavorare nella cucina di un vero ristorante, cucinando per dieci critici gastronomici, oltre a quattro fotografi, che giudicano la fotogenia sdei piatti. Tema: il brunch, anzi per l’occasione un Royal Brunch, perché dovrà essere una serie di piatti gourmet. Monir ha problemi a controllare la tensione (“non sono abituato a lavorare in una cucina vera e sotto pressione”), urla e si prende i rimbrotti di chef Locatelli, salvo poi scusarsi. Monir è nella squadra azzurra, quella di Jia Bi, che perde la sfida e va al pressure test: un cesto di ingredienti a testa, ma ciascuno viene privato di due di questi da un avversario. Il suo piatto convince i giudici e riesce a salire in balconata.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere