CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Made in Italy: Luciano Ligabue porta a Perugia la storia di Riko

Eventi Perugia Cultura e Spettacolo Città

Made in Italy: Luciano Ligabue porta a Perugia la storia di Riko

Redazione cultura
Condividi

Luciano Ligabue, in concerto

PERUGIA – Fa tappa al Palaevangelisti di Perugia lunedì 6 e martedì 7 marzo il Made in Italy – Palasport 2017, tour di presentazione dell’omonimo disco di Luciano Ligabue.

fotografia di Jarno Iotti

fotografia di Jarno Iotti

Il progetto, undicesimo di inediti e ventesimo della sua carriera, è prodotto da Luciano Luisi con musiche, testi e arrangiamenti di Ligabue. Made in Italy (Zoo Aperto/Warner Music) ha conquistato il triplo platino (certificazioni diffuse da FIMI/GfK Italia) ed è stato anticipato in radio dal primo singolo, certificato oro da FIMI/GfK Italia, G come Giungla (in rotazione già dal 2 settembre) e dal secondo singolo Made in Italy (in rotazione dall’11 novembre). “È una dichiarazione d’amore “frustrato” verso il mio Paese – afferma Ligabue a proposito di quest’ultimo brano – raccontata attraverso la storia di un personaggio (Riko). Si tratta di un vero e proprio concept album (il mio primo) ma è comunque composto di canzoni. Canzoni che godono di una vita propria ma che in quel contesto, tutte insieme, raccontano la storia di un antieroe”. Ad accompagnare Ligabue sul palco, sarà la band che lo ha affiancato anche nella realizzazione di questo nuovo album: Luciano Luisi (tastiere, cori), Max Cottafavi (chitarre), Federico Poggipollini (chitarre elettriche, cori), Davide Pezzin (basso), Michael Urbano (batteria, percussioni), Massimo Greco (tromba e flicorno), Emiliano Vernizzi (sax tenore) e Corrado Terzi (sax baritono). Media partner ufficiale RTL, sponsor del tour Fastweb, sponsor tecnico BMW.

Intanto in radio è in rotazione il terzo singolo È venerdì, non mi rompete i coglioni in cui si narra la storia di un venerdì, “solito” ma speciale, di Riko, il protagonista dell’album. “C’è un detto, Quello che succede a Las Vegas resta a Las Vegas, per Riko è altrettanto – spiega Ligabue – quello che succede il venerdì, resta nei suoi venerdì. E in casa lo dice anche a chiare lettere, lo reclama: E’ venerdì, non mi rompete i coglioni”.

Tracklist Made in Italy: La Vita Facile, Mi Chiamano Tutti Riko, È Venerdì, Non Mi Rompete I Coglioni, Vittime E Complici, Meno Male, G Come Giungla, Ho Fatto In Tempo Ad Avere Un Futuro, L’Occhio Del Ciclone, Quasi Uscito, Dottoressa, I Miei Quindici Minuti, Apperò, Made In Italy, Un’Altra Realtà.

F&P Group e Riservarossa in prima linea contro il secondary ticketing market – Anche per questo tour gli organizzatori (F&P Group e Riservarossa) confermano la totale distanza dal “secondary ticketing market”, contro cui da sempre sono schierati in prima linea: un mercato di biglietti parallelo a quello autorizzato, fortemente attivo su internet, che offre in vendita biglietti non autorizzati e maggiorati ingiustificatamente per multipli del prezzo ufficiale, alimentando un vero e proprio mercato parallelo ed oneroso a danno del consumatore. Claudio Maioli (Riservarossa) e Ferdinando Salzano (F&P Group) invitano il pubblico a non acquistare biglietti fuori dai circuiti di vendita autorizzati per evitare l’elevato rischio di incorrere in prezzi maggiorati, biglietti falsi e non validi e per evitare di alimentare questa annosa piaga che crea un grosso disagio al pubblico e alla musica dal vivo. Gli organizzatori si riservano il diritto di negare l’ingresso all’evento ai possessori di biglietti che, a loro insindacabile giudizio, saranno considerati di provenienza da rivenditori non autorizzati o comunque irregolari ed il possessore del titolo d’accesso irregolare potrà essere denunciato alle Autorità competenti per incauto acquisto o truffa ai danni del circuito di vendita e dell’Organizzatore dell’evento. Si ricorda che la legge punisce i fabbricanti ed i venditori di biglietti falsi. F&P Group pubblica e aggiorna costantemente (su www.fepgroup.it) la black list dei siti non autorizzati alla vendita informando il pubblico di non acquistare i biglietti sui quei siti.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere