CARICAMENTO

Scrivi per cercare



L’Umbria fa doppietta ad X Factor: Blind ed i Melancholia promossi ai live

Perugia Cultura e Spettacolo Varie Foligno Spoleto

L’Umbria fa doppietta ad X Factor: Blind ed i Melancholia promossi ai live

Emanuele Lombardini
Condividi

L’Umbria gioca pesante ed entra ad X Factor 14 con due artisti: la band folignate dei Malncholia ed il trapper di Ponte San Giovanni Franco Rujan, in arte Blind, superano anche l’ultimo step, quello della Last Call ed accedono alle puntate live, che da giovedì andranno in onda in diretta da Roma, sempre su Sky Uno.

Melancholia. Scelti da Manuel Agnelli – assistito nell’ultima selezione dal musicista, regista e fumettista Gipi – i folignati Melancholia sembrano fra i maggiori indiziati ad un percorso lungo e fruttuoso: moderni, freschi, centrati, di loro si sente soprattutto la già buona esperienza nei palchi. Per l’ultimo step, hanno scelto di riarrangiare un pezzo del 1967, “White rabbit” degli Jefferson Airplane, che hanno esaltato le qualità vocali della frontwoman  Benedetta Alessi. Per loro (gli altri componenti sono Fabio Azzarelli  a synth & drum machine e Filippo Petruccioli alla chitarra), ci sarà la possibilità di sperimentare molto al fianco del leader degli Afterhours, non certo uno tradizionale nel sound.

I Melancholia sono già piuttosto famosi, non solo in Umbria. Il loro sound  fonde infatti diversi stili musicali, per un rock che si contamina con l’hip hop e la drum&bass, che allo stesso tempo contemporanea ma anche per certi versi tipica di certi artisti degli anni 80 e 90. Prodotti dallo studio perugino Urban Recordings, avevano proposto durante le selezioni anche un inedito.

Blind. Ce l’ha fatta anche il ponteggiano Franco Rujan, in arte Blind, che nell’ultimo step ha proposto l’inedito “Fatti miei”, è confermato come uno dei nomi più contemporanei e più centrati anche discograficamente. Ha colpito anche il musicista e produttore Dario Faini, in arte Dardust, per l’occasione assistente di Emma, che sarà la sua coach.

Un bel traguardo per il trapper umbro, che all’età di 16 anni si presentava al pubblico con il brano “Sotto sti palazzi” (che oggi sfiora le 400mila visualizzazioni) raccontando la dura realtà della periferia in cui è cresciuto e a mano a mano ha sfornato brani interessanti dimostrando talento e fame, tanto da essere notato anche da svariate case discografiche e organizzatori di eventi e da ritrovarsi ad aprire alcuni concerti di artisti famosi nel panorama italiano come Izi, Rkomi, Tedua, DrefGold e altri

Non solo loro. Per la seconda volta l’Umbria schiera due artisti in gara nella stessa edizione e nel corso degli anni è stata molto ben rappresentata. Era già successo nella prima edizione del 2008 con Annalisa Baldi da Tuoro sul Trasimeno fra le donne (allora categoria unica), e la spoletina Federica Santini nel supergruppo degli FM. Nel 2013 il tifernate Michele Bravi vinse l’edizione, capitanato da Morgan, dando il via alla sua carriera, culminata poi con un quarto posto a Sanremo.L’anno scorso, invece, è toccato al ternano Lorenzo Rinaldi.

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere

Prossimo