CARICAMENTO

Scrivi per cercare

L’umano al centro del lavoro, ecco la ‘Fabbrica contemporanea’ di Cucinelli

Economia ed Imprese Perugia Cronaca e Attualità Città

L’umano al centro del lavoro, ecco la ‘Fabbrica contemporanea’ di Cucinelli

Redazione
Condividi

Brunello Cucinelli nella sua azienda

PERUGIA – L’essere umano al centro del luogo di lavoro. Questa il concetto al centro della ‘Fabbrica contemporanea’, l’ultima ideazione dell’imprenditore umbro di fama mondiale, Brunello Cucinelli. La parola d’ordine di questo nuovo modello umanista di impresa – presentato nella mattinata del 6 giugno nella sede umbra di Confindustria -, è umanizzare, al fine di plasmare degli artigiani e umanisti della rete: “L’industria del futuro – per Cucinelli – parte da qui, con l’essere umano riportato al centro della ”Fabbrica contemporanea”. “Internet – ha proseguito il re del cachemire – ha cambiato l’umanita ridisegnando la mappa mondiale del lavoro, che con il suo progetto punta ad un uso sano della tecnologia e ad essere connessi il giusto per consentire di tornare ad un lavoro in salute ed essere più creativi”.

Adesioni Il progetto al momento vede l’interessamento del’Mit di Boston, della Bocconi di Milano, dell’Università degli Studi di Perugia, dell’Istituto italiano di tecnologia di Genova e di alcuni fornitori di tecnologia, come Replay, Temera, Electra. “E’ unico nel suo genere a livello europeo”, hanno ricordato l’imprenditore di Solomeo e Flavio Tonelli, professore presso il Dime della Scuola politecnica dell’Università di Genova. Presente all’incontro anche Ernesto Cesaretti, presidente di Confindustria Umbria.

Tecnologia governata Secondo Cucinelli, la tecnologia serve all’essere umano, ma “va governata perchè non deve andare troppo ad incidere nella nostra anima”. “Internet ha cambiato l’umanità – ha continuato – e perdiamo tanto tempo dietro questi strumenti a discapito della nostra anima e della creatività. Non dobbiamo andare a rompere quell’umanità che c’è nel lavoro, dobbiamo solo vivere normalmente perchè il fine della tecnologia è sempre l’uomo e non può essere la sua uccisione”. Un percorso già iniziato nel 2014 a Solomeo, che ora verrà strutturato con nuovi attori e partner.

‘Dosaggio’ Cucinelli ha anche dettato alcune semplici regole per la fruizione delle tecnologie: “Non bisogna essere connessi all’ora di pranzo, dopo le 18, il sabato e la domenica. Tutto ciò, sul piano industriale, prevede una “digitalizzazione solo delle parti necessarie”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere