CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Luigi Palazzoni, da giornalista a volontario in Caritas: “Donare è sempre una gioia”

Perugia Cronaca e Attualità

Luigi Palazzoni, da giornalista a volontario in Caritas: “Donare è sempre una gioia”

Redazione
Condividi
Luigi Palazzoni
Luigi Palazzoni
di Riccardo Liguori*

PERUGIA – Nulla è impossibile a un giornalista professionista di lungo corso come Luigi Palazzoni, che invece di invecchiare con una penna in mano, come la stragrande maggioranza dei colleghi, si è dato dal 2015 al volontariato presso la Caritas diocesana di Perugia-Città della Pieve. Palazzoni, dopo essere stato una “storica” firma de Il Messaggero, testata per la quale è stato capo redattore dell’edizione umbra, e poi direttore editoriale de Il Giornale dell’Umbria, oggi è il responsabile del “Daidò”, il settore per la gestione delle donazioni agli “Empori della Solidarietà” della Caritas perugina.

Altruismo  “Nella mia lunga attività di giornalista – racconta Luigi – mi sono trovato a faccia a faccia con il mondo del volontariato. Confesso che per me è stata come un’evoluzione elaborata nel corso degli anni, che ha conosciuto varie tappe: prima come fortemente scettico, poi come quasi disinteressato osservatore, a seguire la perplessità unita alle prime domande che mi ponevo (perché lo fanno?), ed ancora, il nascere della consapevolezza che qualcosa di forte sfuggiva alla mia riflessione. A sfuggirmi, poi lo capii, era il sentimento dell’altruismo, la voglia di aiutare chi ne aveva bisogno, chi era stato meno fortunato, chi era passato o si trovava ancora in mezzo al guado di una vita impossibile da vivere per le condizioni che imponeva ad uno o più di uno dei livelli della nostra esistenza: sociale, familiare, economico, psicologico, morale”.

La rivelazione “E poi, ecco la “rivelazione” finale, la consapevolezza – prosegue il giornalista –, verificata nelle persone e nei fatti, che effettivamente donare un po’ del proprio tempo a qualcuno gratifica tanto chi lo riceve quanto chi lo dona. Occorre provarlo per capirlo. La mia attività di giornalista, prima come semplice cronista e poi via via fino alla direzione di giornali importanti, mi ha regalato anche un osservatorio privilegiato sul mondo che ci circonda, sulla nostra società, sul bene ed il male, sulle gioie e i dolori che la gente vive giornalmente”.

Ammirazione “La mia stima e ammirazione per coloro che dedicavano una parte del loro tempo agli altri, cresceva, fino a maturare la decisione che al momento di lasciare l’attività giornalistica per motivi pensionistici, avrei dedicato anch’io una buona parte delle mie energie al volontariato». Da «osservatore/ammiratore di chi si prodigava per il benessere altrui in maniera disinteressata e con forte abnegazione, ora sono dall’altra parte della barricata. Da qualche anno vivo finalmente in prima persona le soddisfazioni morali ed il benessere psicologico per una attività di volontariato che porto avanti anche con spirito di sacrificio – conclude Luigi Palazzoni –, ma con convinzione, determinazione e soprattutto la gioia intima e profonda della consapevolezza di fare qualcosa di utile per tante persone”.

  • Responsabile ufficio stampa Diocesi di Perugia 
Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere