CARICAMENTO

Scrivi per cercare

‘Luce per Terni’, fari puntati su lotta alle malattie rare e medicina non convenzionale

Terni Cultura e Spettacolo

‘Luce per Terni’, fari puntati su lotta alle malattie rare e medicina non convenzionale

Emanuele Lombardini
Condividi

TERNI – La lotta alle malattie rare è una delle battaglie dell’associazione Telethon, che ogni anno raccoglie fondi a questo scopo attraverso la maratona di solidarietà televisiva ed una serie di iniziative correlate per sensibilizzare sul tema. Soprattutto per portare all’attenzione del grande pubblico il fatto che oggi queste si possono curare attraverso quella che è nota come medicina non convenzionale. A questo scopo si svolgerà domani alle ore 15 presso la sala convegni “Leonardo Da Vinci” dell’Hotel Michelangelo Palace. L’organizzazione è a cura dell’associazione Luce per Terni.

L’informazione sul tema delle malattie rare del resto, non è mai abbastanza, soprattutto in un momento nel quale la medicina continua a crescere e svilupparsi, offrendo tecniche e cure sempre nuove: nel suo ultimo rapporto sulle medicine complementari, l’Organizzazione Mondiale della Sanità ha riconosciuto un ruolo importantissimo alla medicina non convenzionale considerandola quindi di fondamentale importanza soprattutto perché propone un approccio differente alla malattia e alla persona e , proprio per questo motivo , l’Oms si sta invitando a regolamentare questo tipo di cure così da renderle accessibili anche alle popolazioni meno abbienti: “Nonostante le numerose richieste di apertura definite nel documento The Who Traditional Medicine Strategy 2014-2023 – dice la presidente di Luce per Terni Erika Lucci – l’ Italia resta il fanalino di coda mentre gli altri paesi europei sembrano aver compreso importanza della medicina alternativa fermo restando  di non pensare ad una sostituzione della medicina tradizionale ma è ormai chiaro il suo ruolo di affiancamento. L’Associazione Luce per Terni – prosegue la presidente- ha il ruolo di vigilare ed aiutare il cittadino ed è per questo che ha voluto affiancare anche il grande lavoro di Telethon relativo alla campagna di sensibilizzazione e raccolta fondi per le malattie rare”.

L’approccio medico. “Il medico – spiega il dottor Guido Nevi. specialista in medicina del dolore – ha il dovere  di mantenere una mente aperta di fronte a qualsiasi fenomeno di evidenza clinica e magari approfondire, studiare e capire: questo è l’approccio con cui il medico esperto in medicine non convenzionali approccia le patologie, tenendo presente tutte le possibilità terapeutiche che insieme o talvolta in alternativa alla medicina tradizionale possano garantire  il maggior successo, nel minor tempo con la minor spesa”.

 “Molto spesso per le malattie rare – spiega il dottor Camillo Giammartino, responsabile della struttura di endocrinologia dell’ospedale di Terni – non basta un solo specialista ma è fondamentale per il paziente un approccio multidisciplinare che sappia gestire e se possibile risolvere non solo i problemi derivanti dalla malattia ma anche il modo in cui il paziente la vive”. Fra le medicine non convenzionali rientrano agopuntura, omeopatia,fitoterapia, antroposofia, omotossicologia, medicina tradizionale cinese, ayurvedica mentre sono considerate terapie non convenzionali  chiropratica e osteopatia: anche di queste si parlerà nel convegno di domani.

Presenti. L’evento vedrà la presenza oltrechè di Nevi e Giammartino, del  professor Raffaele Federici, docente di sociologia dei processi culturali all’università di Perugia del dottor Edoardo di Leginio, esperto in medicina omeopatica, ayurvedica e fitoterapia con la moderazione del dottor Giovanni Amolini, presidente della sezione ternana dell’accademia dei Filateti, sarà dunque divulgativo per tutti, ma anche uno strumento per dare voce ai bambini e alle loro famiglie che si trovano ad affrontare una malattia genetica rara e per portare nelle loro case l’impegno di Fondazione Telethon, al cui responsabile sarà consegnato l’assegno derivante da una raccolta Fondi. Interverrà il presidente dell’ordine dei Medici Giovanni Donzelli,  mentre le conclusioni saranno affidate al consigliere regionale Raffaele Nevi.

 

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere