CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Litigi e bambini, avanza ancora a Masterchef il bevanate Monir Eddardary

Extra

Litigi e bambini, avanza ancora a Masterchef il bevanate Monir Eddardary

Redazione cultura
Condividi

Prosegue la corsa di Monir Eddardary nella decima edizione di Masterchef. Il ventinovenne di origine marocchina supera il turno senza passare dal pressure test. Nella mistery box improntata alla biodiversità è costretto a fare i conti con una pasta ripiena ritenuta dai giudici piatto non bilanciato e torna al posto visibilmente contrariato. In questa fase ha anche un acceso diverbio con Valeria Caserta, la giovane vastese che sin dall’inizio ha mostrato poca simpatia nei suoi confronti.

L’invention test lo vede confrontarsi con le creazioni del giovanissimo chef americano  Flynn McGarry: a lui viene assegnata dalla vincitrice della prova precedente, Federica Di Lieto la riproduzione  dei ricci di mare con purea di carote e caffè. Accede alla fase in esterna dove è nella squadra della vincitrice dell’invention test.

L’esterna della settimana è nel Parco Lombardo della Valle del Ticino, a Cascina Salvaraja, un luogo fondato sulla cultura del rispetto del cibo, della biodiversità, dove i concorrenti sono attesi da una giuria estremamente esigente, i bambini ospiti del ciclo didattico della scuola. Il menù composto da pollo fritto e tortino al cioccolato conquista i piccoli commensali, grazie anche alla spontaneità di Monir che in veste anche di cameriere – gli aspiranti chef dovevano pure servire i piatti – riesce a coinvolgere i bambini.