CARICAMENTO

Scrivi per cercare

L’arte di Igor Borozan e Paul Harden per colorare la città di Amelia

Eventi Cultura e Spettacolo Narni Orvieto Amelia Extra

L’arte di Igor Borozan e Paul Harden per colorare la città di Amelia

Redazione cultura
Condividi

AMELIA – La città di Amelia si colora dell’arte e delle realizzazioni del pittore Igor Borozan e di Paul Harden, specializzato in videomapping. L’evento si chiama “Water memory” e si svolgerà il prossimo 8 settembre nella zona delle cisterne, con il sostegno e il patrocionio del Comune e Sistema Museo ed ha l’obiettivo di valorizzare non soltanto il patrimonio culturale del luogo, ricco di storia e di fascino, ma anche per porre l’accento sull’elemento acqua, peculiarità d’eccellenza della zona nonchè simbolo stesso della vita. Una forza primordiale che regge l’esistenza e anima tutto il creato. Essa è il divenire, il caos, la vita, l’istinto, l’impulso.

Al via dunque i preparativi che fervono per la realizzazione di questo evento unico nel suo genere, per il quale si sta progettando anche un “tour” che toccherà diverse location di prestigio storico culturale sul territorio nazionale.
Il maestro Borozan, già noto per le sue innumerevoli art performance realizzate in terra d’Umbria, propone uno spettacolo unico, ricco di suggestioni mescolando il suono al colore attraverso il suo straordinario modus operandi. Ricordiamo le sue presenze all’estero per eventi di rilievo come la personale tenuta presso il Museo di El Greco a Toledo dove nel 2016 espone opere inedite e allestisce una delle camicie più grandi d’Europa, dedicata appunto a maestro cretese.
Le sue camicie odorano di colore, sono consunte, stropicciate, una sorta di “pelle dell’artista”, un racconto intimo e stupefacente di una cammino spesso tortuoso e ricco di emozioni, quelle che solo un grande artista sa trasmettere. Ma le camicie di Borozan sono anche eteree, fluide, luminose; ricordiamo a tal proposito il saio più grande del mondo “JAN MMXIII” realizzato in occasione della prima visita di Papa Francesco ad Assisi nel 2013.

In questo progetto Borozan sceglie l’acqua come fulcro di questa nuova affascinate avventura ispirandosi alle ipotesi del ricercatore giapponese Masaru Emoto, secondo il quale esiste una interazione tra la memoria dell’acqua e la musica. Il titolo scelto vuole sottolineare l’elemento acqua nel contesto di un territorio dall’ineguagliabile bellezza paesaggistica, ma vuole anche riportare l’attenzione dello spettatore sul concetto di
“memoria dell’acqua” e sulla sua proprietà di mantenere un “ricordo” delle sostanze con cui è venuta in contatto.
L’acqua agisce come un recettore, essendo in grado di ricevere le frequenze d’onda e di memorizzarle (memoria); l’acqua agisce come trasmettitore, trasmettendo le frequenze delle onde memorizzate (informazione).
La memoria-informazione dell’acqua può inoltre essere sfruttata per energizzare l’acqua. Borozan si inserisce in questo filone di pensiero donando la vita alle antiche Cisterne romane attraverso l’esecuzione in diretta di un’opera dalle titaniche dimensioni.
Pennellate di colore sulla tela come una sorta di risveglio della memoria per riportare alla luce il tempo della grande Roma che ci ha lasciato le sue stratificazioni calcaree sulle pareti.
L’opera, dalle dimensioni di 4 metri per 3, verrà realizzata on stage e può essere definita uno spettacolo teatrale in tre tempi dove il pubblico sarà protagonista in primis interagendo con l’artista.
Ad ogni partecipante, al termine dello spettacolo, verrà consegnato uno dei “tasselli” delle dimensioni di 50×40 cm in cui l’artista scomporrà l’opera una volta ultimata.

I pezzi sono unici, originali e firmati a mano con relativo certificato di autenticità. L’opera può essere definita uno spettacolo teatrale in tre atti dove il pubblico sarà protagonista in primis interagendo con l’artista attraverso i suoni opportunamente scelti da un altro grande nome dell’arte del video mapping, Paul Harden, che presenterà in esclusiva un’installazione sonora progettata per raccontare l’acqua in maniera inconsueta e contemporanea. Drammaturgia e emozionalità sono i punti di forza del suo approccio verso queste produzioni e nuove sperimentazioni.
La performance di questi due giganti Visual Artists performers prevede un incipit introduttivo con la lettura del brano latino magistralmente recitato da Mario Cordova una delle più significative voce del mondo del cinema, doppiatore di personaggi come Richard Gere, Jeremy Irons, Patrick Swayze. Musiche di intervallo a cura di Stefano Ensabella, video maker David Sciarrini. Per la fotografia e il light design Andrea Boccalini, attivo come fotografo per campagne pubblicitarie di brand italiani di successo, nonché consulente scientifico per il programma di Sky Arte “Master of Photography”. Info e prevendite: http://italytolive.it/esperienza/?code=PFG5VZ

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere