CARICAMENTO

Scrivi per cercare



‘Labirinti di viaggio’, la presentazione agli Armeni di Perugia

Eventi Perugia Cultura e Spettacolo Extra Città

‘Labirinti di viaggio’, la presentazione agli Armeni di Perugia

Redazione cultura
Condividi

foto Francesca Cecchini

PERUGIA – Sarà la biblioteca comunale San Matteo degli Armeni di Perugia a ospitare il prossimo 20 maggio (ore 18) la presentazione di Labirinti di viaggio (Lorenzo de’Medici Press), libro di Simone Signorini. Insieme all’autore interverranno Daniela Adanti (psichiatra e psicoterapeuta), Marina Biasi (psicologa esperta in metodologie autobiografiche), Claudio Francescaglia (Fondazione Aldo Capitini), Carla Gariazzo (regista e formatrice teatrale), Daniela Koehler (counselor), Pierpaolo Peroni (scrittore), Mariannunziata Porcu (associazione culturale La Goccia), MariaLaura Rosati (scrittrice), Lorenzo Velardi (poeta, Federica Ziarelli (poeta). Letture a cura dell’attore Francesco Bolo Rossini. Ingresso libero.

labirinti-di-viaggio-cop

Labirinti di viaggio ci porta in un nuovo universo letterario che unisce diverse forme espressive e utilizza una scrittura in cui diversi generi letterari, tradizionalmente distinti, vengono usati contemporaneamente. Un viaggio denso, poetico, pregno d’emozioni e d’immagini, di ragione e astrazione, di verità e paradossi, d’intuizioni geniali e folli ragionamenti. Uno dei rari casi in cui, come nell’ultimo Beckett, la forma e il contenuto si presentano come un’unica sostanza; struttura e contenuto del libro non sono distinguibili. I sette capitoli che compongono il testo sono labirinti attraversati da un’esperienza umana in cui il tempo si dilata e si restringe continuamente, determinando al suo interno isole dimensionali che hanno ragione di essere anche per conto proprio, tuttavia tappe di uno stesso viaggio incredibile nei meandri dell’uomo e della sua ragione d’esistenza. Questa peculiarità consente al lettore di non dover necessariamente seguire l’ordine cronologico dei capitoli e delle parti di cui è composto ogni labirinto, senza che il significato complessivo del libro sia variato. Un’intonazione poetica generale dirige il linguaggio dalla forma diaristica al racconto, dalla poesia alla prosa, dalla filosofia alla scrittura teatrale; un mondo senza confini espressivi dove si renda possibile afferrare il significato del proprio viaggio esistenziale.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere