CARICAMENTO

Scrivi per cercare

La Ternana vince e convince: espugnata per la prima volta Pagani

Calcio Sport

La Ternana vince e convince: espugnata per la prima volta Pagani

Redazione sportiva
Condividi

PAGANESE (3-5-2): Fasan; Sbampato, Schiavino, Cigagna (1’st Cesaretti); Carotenuto, Onescu (25’st Bramati), Bonavolontà (12’st Scarpa), Benedetti, Squillace; Guadagni (39’st Isufaj), Diop (25’st Mendicino). A disp.: Campani, Bovenzi, Sirignano, Esposito, Perazzolo, Di Palma, Mattia,  All.: Erra
TERNANA (4-2-3-1): Iannarilli; Defendi, Suagher, Diakitè, Mammarella (32’st Russo); Damian (36’st Proietti), Kontek; Partipilo, Falletti (20’st Raicevic), Furlan (32’st Peralta); Vantaggiato (20’st Torromino). A disp.: Vitali; Argento, Ndir,  Laverone, Bergamelli. All.Lucarelli
ARBITRO: Vigile di Cosenza (assistenti: Salvalaglio-Vitali IV Uomo Cavaliere)
MARCATORI: 9’pt Vantaggiato, 20’pt Damian, 38’pt Falletti
NOTE: Partita giocata a porte chiuse. Espulso al 45’st Bramati (P) per gioco pericoloso. Ammoniti: Onescu (P), Cigagna (P), Suagher (T). Damian (T). Calci d’angolo: 5-9  Recupero 2’pt 4’+1’st. Prima della partita osservato un minuto di silenzio per ricordare Francesco De Vivo, ex addetto stampa azzurrostellato, recentemente scomparso.

PAGANI – La Ternana espugna per la prima volta nella sua storia lo stadio di Pagani con 3-0 costruito nel primo tempo. Nella ripresa la compagine rossoverde controlla agilmente. Mercoledì al Liberati arriva il Palermo che domani non giocherà col Potenza, a causa della positività di due lucani al Covid al primo giro di tamponi.

Le scelte. Nessuna novità rispetto alla vigilia nella Ternana, con la formazione che è quella annunciata. Raicevic ha ottenuto il transfert dalla Polonia e può andare in panchina. In casa Paganese panchina per tutti i nuovi, in porta confermato Fasan nonostante il rientro di Campani. L’ex Ternana Diop in campo dall’inizio, in panchina gli ex Gubbio Benedetti e Cesaretti.

Primo tempo. La differenza tecnica e l’esperienza si vedono da subito e la Ternana prende in mano la partita sin dai primi minuti. Rossoverdi avanti alla prima occasione, al minuto 9:  Furlan scappa via sulla sinistra, entra in area, si gira e mette in mezzo un pallone per Vantaggiato, che deve solo spingerla in rete di testa. L’esterno delle Fere è scatenato, vera spina nel fianco degli azzurrostellati: ci prova da fuori, mandando alto, con Fasan poco attento. Poco prima, il portiere riesce a sventare in tuffo una giocata dai 20 metri di Partipilo.

Al 20′, dopo un calcio di punizione,l’azione prosegue con Falletti che vede libero Kontek: il croato tira dalla distanza, con Fasan che smanaccia e non trattiene; sulla palla si avventa Damian e la scaraventa in rete. Uno-due micidiale per i campani che ci provano senza esito su punizione, ma quando perdono palla  rischiano praticamente sempre di prendere gol. La Ternana, dal canto suo, si difende con ordine e rischia pochissimo. Al 38′ il tris rossoverde: Cigagna perde palla, Damian la raccoglie ed imbecca Falletti, che prende la mira e trova il pertugio buono per battere l’ancora una volta impreciso portiere campano.

Al 42′ occasionissima per il poker con un calcio di punizione dalla media distanza di Mammarella, che va alto di non molto.Poi si chiude il tempo, col match in frigo.

Secondo tempo. Nonostante i tre gol di vantaggio, la Ternana torna in campo con la stessa mentalità ed il pressing alto. Il risultato è che i campani vengono di nuovo schiacciati nella loro metà campo e al 6′ i rossoverdi vanno vicinissimi al gol: punizione di Partipilo, con palla bloccata da Fasan. La Paganese prova a riorganizzarsi per cercare di ridurre lo svantaggio ma i campani non sfondano e la Ternana controlla agevolmente.

La prima vera occasione campana è al 18′ con una girata di Cesaretti deviata da Damian che Iannarilli para facile. Lucarelli cambia Falletti e Vantaggiato con Torromino e Raicevic, col modulo che resta lo stesso. Si vede subito Torromino, con una botta che viene deviata in angolo, a seguire anche Raicevic ci prova, con Sbampato che rimedia in angolo. Al 31′ ancora Cesaretti impegna Iannarilli che smanaccia, sulla ribattuta Mendicino non riesce a tirare e la Ternana si salva. Peralta e Russo rimpiazzano Furlan e Mammarella e l’argentino si vede subito con uno scatto fulmineo a cui segue un tiro che impegna in angolo Fasan. Proietti rileva Damian poi Torromino ci prova ancora e trova Fasan pronto alla deviazione. L’espulsione di Bramati al 45′ per un brutto fallo da dietro chiude di fatto il match, anche se prima del fischio finale c’è il tempo per un tiro dal limite a mezza altezza di Defendi deviato in angolo con un colpo di reni di Fasan.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere