CARICAMENTO

Scrivi per cercare



La Ternana non si ferma: batte anche il Foggia e consolida la vetta

Calcio Terni Sport

La Ternana non si ferma: batte anche il Foggia e consolida la vetta

Redazione sportiva
Condividi
Un momento della partita
Un momento della partita

TERNANA (4-2-3-1): Iannarilli; Defendi, Boben, Kontek, Frascatore; Palumbo, Proietti (25’st Paghera); Partipilo (25’st Damian), Falletti (30’st Suagher), Furlan (16’st Torromino); Vantaggiato (16’st Raicevic). A disp.: Vitali, Mammarella; Ferrante,  Russo, Peralta, Laverone, Salzano. All.: Lucarelli C.
FOGGIA (3-4-1-2): Fumagalli; Germinio, Gavazzi, Agostinone; Kalombo, Vitale (32’st Baldè), Raggio Garibaldi  (25’st Morrone), Ndiaye (25’pt Di Masi); Curcio; D’Andrea, Dell’Agnello (25’pt Garofalo). A disp.: Mascolo,  Salvi, Di Jenno,  Lucarelli M., Aramini, Pompa, Aramini, Naessens, Regoli. All. Marchionni
ARBITRO: Colombo di Como (assistenti: Torresan-Zampese IV Uomo Emmanuele)
MARCATORI: 21’pt  Partipilo (T), 23’st rig Falletti (T)
NOTE: Serata fresca, terreno di gioco in buone condizioni, spettatori 749 (incasso 9743 euro). Allontanato 12’st Cau (vice allenatore Foggia). Ammoniti: Gavazzi (F), Curcio (F), Kontek (T), Partipilo (T), Lucarelli (allenatore, T), Garofalo (F)., Kalombo (F), Raggio Garibaldi (F). Calci d’angolo: 1-1. Recupero: 1’pt 5′ st

TERNI – La Ternana vince ancora: è il settimo risultato utile di fila (4 vittorie e 3 pari), con la squadra imbattuta ed al primo posto. Ne fa le spese un Foggia che è work in progress certamente, ma poca cosa in generale e che tranne nel finale di partita non ha mai veramente impegnato i rossoverdi, tanto che Iannarilli non ha dovuto compiere mai nessuna vera parata: al Liberati finisce 2-0 per i rossoverdi.

Le scelte. Lucarelli fa riposare Mammarella schierando a sinistra Frascatore, Kontek confermato centrale con Boben, confermato il resto della formazione. In casa Foggia 3-4-1-2 Garofalo lascia il posto a Vitale con Ndiaye in campo  (Gentile ko), davanti  D’Andrea e Dell’Agnello con Curcio trequartista

Primo tempo. Si parte al piccolo trotto, coi rossoverdi che tengono bene il campo. Al 3′  cross di Palumbo per Partipilo, cross in mezzo sporcato da Ndiaye, poi c’è un fallo in attacco e l’occasione sfuma. Il tiro di Vantaggiato respinto dla portiere al minuto 8 e il successivo tentativo di Partipilo al minuto 12 (botta dalla lunghissima distanza, con il portiere fuori dai pali, ma il pallone termina fuori di molto), sono il segnale che la squadra c’è.  La riprova arriva al 15′: lancio millimetrico di Proietti per Partipilo, che davanti al portiere non controlla bene e si allarga troppo, palla rimessa in mezzo ma i difensori riescono ad allontanare la sfera.

Il Foggia prova a spaventare una Ternana sbilanciata in avanti con Curcio (contropiede lanciato da Dell’Agnello e tiro dell’ex Catania che fallisce un rigore in movimento), poi i rossoverdi vanno in vantaggio al minuto 21: clamoroso errore in difesa dei satanelli con Partipilo che non perdona. Piattone all’angolino e 1-0. L’attaccante barese si ripete al 27′: lancio si Proietti per Partipilo, che rimette in mezzo e la difesa ospite che spazza. Al 40′ grande giocata rossoverde con Frascatore che arriva al tiro da fuori area, ma il rasoterra è poco potente e Fumagalli para facile. Al 45′ ancora Partipilo pericolosissimo su cross di Defendi, ma il colpo di testa è parato bene da Fumagalli.

Secondo tempo. La ripresa si apre sullo stesso copione del primo tempo e si anima col rosso a Roberto Cau, vice allenatore del Bari, per proteste. Il Foggia si vede con Vitale al 9′ che tira dalla media distanza, con palla a lato. Lucarelli si gioca Torromino e Raicevic per Furlan e Vantaggiato. Il montenegrino è subito protagonista: colpo di testa su sponda di Torromino che aveva raccolto un pallone dalla metà campo; palla alta.

Foggia in grandissima difficoltà soprattutto dietro: Partipilo sfiora di nuovo il gol al 15′: salta il portiere ma si allarga troppo ed i difensori spazzano via il pallone. La Ternana è costantemente nella metà campo foggiana: al 20′ triangolo Falletti-Defendi, col capitano rossoverde che manda fuori di poco. Al 23′ Partipilo semina il panico in area foggiana, pallone verso Torromino che viene steso in area da Kalombo. Calcio di rigore che Falletti trasforma.

Il fratello d’arte Ibourahima Baldè (il più noto è il doriano Keita) entra e si fa subito vedere: approfitta dell’errore di Suagher per andare al tiro da posizione ravvicinata, ma il pallone termina clamorosamente alto. Poco dopo lo imita anche Garofalo, assistito sempre da Baldè, che poi ci prova di nuovo al 40. Finale con la Ternana che difende il risultato e festeggia il settimo risultato utile di fila.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere