CARICAMENTO

Scrivi per cercare

La serie C ricomincerà con la Ternana: subito la finale di Coppa con la Juve, poi i playoff

Calcio Terni Sport

La serie C ricomincerà con la Ternana: subito la finale di Coppa con la Juve, poi i playoff

Redazione sportiva
Condividi

FIRENZE– Il Consiglio direttivo della Lega Pro ha dato una precisa indicazione. Il prossimo 3 giugno, davanti al consiglio federale della Figc sarà portato un progetto per la conclusione della stagione ben definito, che poi è quello emerso anche dal precedente direttivo: playoff su base volontaria, playout, retrocessioni. Col punto di partenza della promozione diretta in B per le squadre in testa ai rispettivi gironi, vale a dire Monza, Reggina e Vicenza.

Subito le Fere. Questo vuol dire  che se passerà la proposta, la prima partita che si giocherà sarà Ternana-Juventus Under 23, finale di Coppa Italia. Sicuramente a porte chiuse, quasi certamente in gara secca il 28 giugno o anche  prima, forse in campo neutro. Il motivo è molto semplice: senza l’esito della finale di Coppa non potrà essere composto il tabellone playoff. Perchè chi vince, oltre a disputare automaticamente i playoff lo fa partendo da una posizione equivalente al terzo posto, quindi saltando almeno due partite, quelle corrispondenti alla fase interna ai gironi.

La qualificazione ai playoff è già certa sia per i rossoverdi (quinti nel girone C) che per l’undici di Pecchia (decimo nel girone A), per cui comunque vada, si libererà un posto per l’undicesima classificata del girone di appartenenza, quindi Vibonese o Pistoiese.

Playoff volontari. A seguire, come detto i playoff, probabilmente anche questi in gara secca, visto che coinvolgeranno 28 formazioni, vale a dire le squadre classificate dal secondo al decimo posto dei tre gironi più la ripescata di cui sopra. Saranno su base volontaria, cioè i club non saranno obbligati a disputarli. Non ci saranno però ulteriori ‘ripescaggi’: semplicemente, chi sarà abbinato ad una formazione che non vuole giocare, avrà partita vinta a tavolino.

Playout e retrocessioni. Ci saranno invece molto probabilmente grane grosse sul fronte delle retrocessioni nel girone della Ternana. La proposta infatti è quella di mantenere la formula classica che prevede la discesa delle ultime dei rispettivi raggruppamenti (Gozzano, Rimini e Rieti) e far giocare i playout alle formazioni dal penultimo al quintultimo posto, per complessive nove retrocessioni (tre per girone).

La formula verrebbe mantenuta anche nel regolamento che prevede la non disputa dei playout se il distacco fra avversarie è superiore agli 8 punti: questo significherebbe che non si  giocherebbero nè Rende-Picerno (-14), nè Bisceglie-Sicula Leonzio (-9), con retrocessione diretta per calabresi e pugliesi. Il patron del Rende Coscarella e quello – pur da tempo dimissionario – del Bisceglie, Canonico hanno già detto che non ci stanno e daranno battaglia. Sarà una estate caldissima.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere