CARICAMENTO

Scrivi per cercare

La Marcia della Pace Perugia-Assisi è catena umana: “Fratelli, come insegna il Papa” (FOTOGALLERY)

EVIDENZA Perugia Assisi Extra

La Marcia della Pace Perugia-Assisi è catena umana: “Fratelli, come insegna il Papa” (FOTOGALLERY)

Redazione
Condividi

Un momento della catena della pace

PERUGIA – Alla vigilia dei suoi 60 anni, che ricorreranno nel 2021, la Marcia della pace PerugiAssisi ha avviato la campagna per essere riconosciuta come Patrimonio dell’umanità. Ad annunciarlo è stato Flavio Lotti, del comitato promotore e anima dell’iniziativa, durante la presentazione della ‘Catena umana per la pace e la fraternità’ che si svolge domenica. Marcia trasformata quindi in Catena statica “per un gesto di grande civiltà e responsabilità” per le difficoltà legate alla pandemia e con le 2.500 persone  distanziate ciascuna di due metri nel rispetto delle regole sanitarie per unire la città di Aldo Capitini con quella di San Francesco, anche stando fermi. “A noi piace camminare assieme, ma per ragioni sanitarie oggi è necessario stare fermi per prenderci cura gli uni degli altri, evitare altri contagi e rispettare le regole anti-Covid” ha sottolineato sempre Lotti.

La nuova idea Proposta del Comitato promotore della Marcia che è stata sposata in pieno anche da Padre Enzo Fortunato, direttore della Sala Stampa del Sacro Convento di Assisi. “La Marcia è già comunque Patrimonio dell’umanità” ha affermato. “La Marcia o meglio la Catena di quest’anno – ha aggiunto -, non poteva che collocarsi dopo l’enciclica ‘Fratelli tutti’ di Papa Francesco firmata proprio ad Assisi. La Perugia-Assisi ha risposto, risponde e risponderà sempre al cammino tracciato anche dal Papa”.

L’evento.E’ stata una festa statica, tutti fermi uniti da un filo, quel filo di speranza di amore per ribadire che ‘la pace non ce la regala nessuno’ è un processo che si guadagna giorno per giorno. Domenica da Porta San Pietro un cordone di persone, distanti ordinate e responsabili, ai lati della strada hanno simboleggiato l’importanza di voler essere a questa manifestazione pacifica nonostante il Covid. “Siamo qui a distanza di un metro l’uno  dall’altro – ha detto Flavio Lotti coordinatore Tavola della Pace – con le mascherine, convinti che insieme si può riuscire ad avere un mondo migliore. Con questa Catena Umana abbiamo scelto di  restare fermi per scuotere le coscienze di quelli che non si vogliono muovere, quelli che restano indifferenti, quelli che non vogliono prendersi cura dei più vulnerabili.  Siamo tutti fratelli e sorelle e facciamo parte di questa umanità straordinari. L’Umbria  ha avuto due uomini eccezionali come San Francesco e Aldo Capitini che sono il simbolo della pace, fraternità, rispetto e fratellanza”.

I partecipanti sono restati fermi e distanti suonando e ballando, ma anche semplicemente fermi assaporando questo popolo colorato e allegro che crede in questi ideali spesso considerati irraggiungibili, utopici ma l’essere lì oggi fa sembrare di toccarli realmente con l’anima e con il cuore. Tra i fili che uniscono le persone c’è il quadro di Willy realizzato da Hosè un pittore italo-argentino che ha voluto portare nella catena il volto di questo ragazzo ucciso ingiustamente.

 

Mattarella “Dalla Marcia Perugia-Assisi proviene ogni volta un messaggio popolare molto forte, che scaturisce dalla consapevolezza del carattere integrale della pace e della stretta connessione tra i grandi temi globali, a cominciare dalla lotta alla povertà e alle diseguaglianze, dal contrasto al cambiamento climatico, dalla cooperazione necessaria per assicurare ai popoli quel diritto a uno sviluppo sostenibile che è parte del diritto stesso alla vita e al futuro. Per questo è importante che anche quest’anno la Marcia sia stata confermata, nel rispetto delle condizioni di sicurezza imposte dalla pandemia, e che possa dare a tante persone e a tanti giovani la possibilità di esprimere la volontà di un domani migliore e l’impegno a farsi generatori di pace, a partire dalla realtà quotidiana”. Lo afferma il presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, in un messaggio inviato al coordinatore del Comitato promotore Catena Umana da Perugia ad Assisi, Flavio Lotti.

Costruzione “La stessa azione di contrasto alla pandemia può diventare una modalità di costruzione della pace. “Time for Peace – Time to Care” è il motto scelto per l’edizione 2020. Il diritto alla cura è un caposaldo della piena cittadinanza, ma la cultura della cura va oltre le capacità del sistema di Welfare di rispondere ai bisogni con qualità ed efficienza: la cultura della cura è una dimensione della fraternità tra gli uomini, è un fattore di coesione sociale e può diventare vettore di un’economia orientata a un più equilibrato e duraturo sviluppo. Nel mondo – ha aggiunto il capo dello Stato – non mancano conflitti, oppressioni, violenze provocate da odi etnici e integralismi religiosi, non mancano minacce di riarmo nucleare. Non deve mai venir meno la voce di quanti chiedono la pace, il rispetto dei diritti dell’uomo, il cessate il fuoco ovunque si combatta. Al tempo stesso, è quanto mai prezioso che ci sia coscienza di una pace impegnativa per ciascuno di noi, a partire dalla realtà quotidiana e da una educazione alla pace che deve farsi permanente. È con questo spirito che saluto i partecipanti alla Marcia, nell’augurio che i costruttori diventino sempre più numerosi nel cantiere della pace”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere