CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Spoleto, la città dei Due Mondi sotto shock: muore improvvisamente il sindaco Fabrizio Cardarelli

EVIDENZA Perugia Cronaca e Attualità Terni Alta Umbria Assisi Foligno Spoleto Politica Marsciano Todi Deruta Narni Orvieto Amelia Trasimeno Extra

Spoleto, la città dei Due Mondi sotto shock: muore improvvisamente il sindaco Fabrizio Cardarelli

Redazione
Condividi

Il sindaco di Spoleto, Fabrizio Cardarelli

SPOLETO – Shock nella città dei “Due mondi”, immobilizzata dal gelo. Un risveglio prenatalizio, angoscioso e attonito. Domenica mattina è morto il professor Fabrizio Cardarelli, sindaco di Spoleto. Il primo cittadino, 60 anni, aveva accusato uno stato di malessere già nelle ore scorse e, purtroppo, a nulla è valso l’immediato intervento dei sanitari del 118, accorsi presso l’abitazione del sindaco. Cardarelli è deceduto, probabilmente per un infarto, nelle prime ore di domenica 10 dicembre. Alla famiglia del sindaco, le condoglianze di tutta la redazione de Lanotiziaquotidiana.it 

La figura Laureato in Fisica, Cardarelli è stato stimato insegnante di materie scientifiche in vari istituti della sua città. Cardarelli lascia la moglie Emanuela, e i figli Giulia e Carlo. La sua carriera politico-amministrativa inizia nel 1990, quando venne nominato assessore comunale alla Pubblica istruzione, ruolo che ricoprì fino al 1995. Consigliere comunale del 1995 al 2003, Cardarelli tornò a sedere sugli scranni dell’assise cittadina nel 2009. Dal 2004 al 2008 fu al vertice della Spoleto credito e servizi, mentre dal 2006 al 2007 fu presidente della Monini Volley. Nel 2014, a capo di una lista civica moderata e di centrodestra riuscì a battere al ballottaggio il candidato del centrosinistra, Dante Andrea Rossi, e a conquistare la fascia tricolore. Intenso e continuo il suo impegno nel periodo post terremoto del 2016, culminato con l’inserimento di Spoleto nell’elenco dei Comuni inclusi nel cratere del sisma.

Funerali I funerali di Fabrizio Cardarelli saranno celebrati in Duomo nel pomeriggio di lunedì 11 dicembre. Alle 15 avrà inizio il rito funebre, che sarà celebrato dall’arcivescovo di Spoleto-Norcia, Renato Boccardo.

Lutto cittadino e camera ardente Dalla mattinata di domenica 10 fino alle ore 24 di lunedì 11 dicembre è stata disposta l’esposizione delle bandiere a mezz’asta su tutti gli edifici comunali e l’allestimento della camera ardente a Palazzo Comunale nella Cappellina di San Ponziano, con apertura ai cittadini dalle ore 15.00 alle ore 22.00 del 10 dicembre e dalle ore 8.00 alle ore 14.00 dell’11 dicembre. Per il periodo del lutto cittadino è disposto lo spegnimento delle luminarie natalizie, la sospensione dell’attività didattica delle scuole pubbliche di ogni ordine e grado della città di Spoleto, compresi i servizi educativi per l’infanzia, la sospensione di tutti gli eventi e spettacoli programmati con svolgimento nell’ambito del territorio comunale, con esclusione delle manifestazioni sportive.

Chiusi anche gli uffici comunali aperti al pubblico, compresi la biblioteca G. Carducci, i musei comunali, le palestre comunali e la piscina F. Pallucchi, con esclusione del Centro Servizi al Cittadino e dell’Ufficio di stato civile. Negli uffici comunali verrà osservato un minuto di silenzio alle ore 15.00 di lunedì 11 dicembre. “Tutti i cittadini, le istituzioni pubbliche, le organizzazioni sociali, culturali, produttive ed i titolari di attività private di ogni genere – scrive il Comune – sono invitate a manifestare il proprio cordoglio nelle forme ritenute opportune, anche attraverso la sospensione delle rispettive attività, con esclusione dei servizi indispensabili ed obbligatori, durante il corso della cerimonia funebre”.

Il cordoglio 

Giunta comunale La Giunta del Comune di Spoleto si unisce al dolore della famiglia e al cordoglio della comunità: “Personalità di molteplici interessi e di grande curiosità intellettuale, nel tuo impegno di Sindaco e di politico hai dimostrato massimo amore per il tuo lavoro e totale attaccamento alla tua città, affrontando con serietà e coraggio il tuo percorso istituzionale con un atteggiamento sempre vitale, ottimistico, propositivo. Hai dedicato alla famiglia, alla scuola e ai tuoi studenti lo stesso entusiasmo e la stessa passione che hanno contraddistinto anche il tuo impegno in politica e nel sociale. Hai avuto come capisaldi irrinunciabili l’onestà e la correttezza che hanno guidato costantemente il tuo agire pubblico e privato. Faremo di questi tuoi valori il nostro impegno quotidiano, accompagnati dal tuo indimenticabile sorriso. Ciao Sindaco”.

Marini “Ciao Fabrizio, ti voglio ricordare così sorridente, soddisfatto, solare. Eri davvero una persona perbene e come tale hai fatto politica. Ho un dolore immenso ma ricorderò pian piano tutto quello che generosamente hai fatto per Spoleto e per l’Umbria”, queste le parole che la presidente Catiuscia Marini scrive sul suo profilo Facebook per ricordare il sindaco di Spoleto.

Porzi “Esprimo profondo cordoglio, a nome mio e dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, per l’improvvisa scomparsa del professor Fabrizio Cardarelli, sindaco della città di Spoleto e partecipo commossa al lutto della famiglia e dell’intera città”. Così la presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria, Donatella Porzi. “Cardarelli – spiega la presidente Porzi – è sempre stato una persona che ha lavorato per la sua città, impegnandosi moltissimo nella sua attività politica e associativa, oltre che in quella professionale. È stato assessore, consigliere comunale, sindaco e presidente della Spoleto Credito e Servizi, ricoprendo tutti i suoi ruoli con un’unica costante: quella di umile servitore della sua Spoleto”.

Festival dei Due Mondi Il direttore Giorgio Ferrara, il Consiglio di amministrazione, il Collegio dei revisori e lo staff della Fondazione Festival dei Due Mondi di Spoleto, esprimono il loro profondo cordoglio per la scomparsa di Fabrizio Cardarelli, ricordandone “l’appassionato lavoro svolto per la crescita della sua amata città e l’attenta e preziosa partecipazione al Festival negli anni della sua presidenza”. “Perdo un grande amico e un grande alleato del Festival – è stato il commento del direttore artistico, Giorgio Ferrara -. Con Fabrizio Cardarelli abbiamo collaborato con grande armonia e tra noi si è creato un sodalizio forte sia dal punto di vista umano che sul piano professionale”.

De Rebotti “Sono affranto, sconvolto per l’improvvisa scomparsa del collega e amico Fabrizio Cardarelli, sindaco di Spoleto. Da parte mia – scrive sul suo profilo Fb, Francesco De Rebotti, sindaco di Narni e presidente Anci Umbria – e da parte di tutti i Sindaci dell’Umbria un abbraccio ai famigliari ed un pensiero commosso a Fabrizio, uomo passionale, autentico, primo cittadino della sua splendida città che, ne sono testimone, ha amato al di sopra di ogni altra cosa”.

La giunta regionale Questa la nota ufficiale e istituzionale della presidente Marini e dell’intera giunta regionale: “La presidente della Regione Umbria, Catiuscia Marini, ed i membri della Giunta regionale Luca Barberini, Antonio Bartolini, Fernanda Cecchini, Giuseppe Chianella, e Fabio Paparelli, sconvolti dall’improvvisa e dolorosissima notizia della scomparsa del sindaco di Spoleto, Fabrizio Cardarelli, si stringono con affetto alla moglie Manuela, ai figli Carlo e Giulia, alla madre, ed a tutta la famiglia, e sono vicini all’intera comunità spoletina che Fabrizio ha guidato in questi anni come sindaco popolare, rigoroso e interprete profondo della sua città. La comunità politica, pur nel rispetto delle differenze di opinioni, è stata per Fabrizio Cardarelli una comunità anche di profonde relazioni umane, di rispetto reciproco e di dovere civile ed istituzionale. Ci piace ricordare il sindaco Cardarelli, prima di tutto come persona, profondamente umana, trasparente, un vero servitore civile, interessato unicamente a dare una prospettiva di qualità e di crescita alla città di Spoleto, la sua città di cui era immensamente innamorato, interpretandone la forza e le potenzialità. Fabrizio ha operato in anni molto difficili, caratterizzati dalle crisi aziendali e dagli eventi sismici, ispirando la sua azione politica ed amministrativa alla collaborazione politica ed istituzionale, e motivato dalla ricerca di risposte concrete ai problemi della comunità. Per noi tutti Fabrizio non è stato solo il sindaco con cui relazionarci, un membro autorevole della comunità politica ed istituzionale dell’Umbria, ma è stato anche un amico cordiale, sempre pronto a trovare una soluzione ai problemi, e rispettoso delle relazioni umane, non perdendo mai anche la sua capacità di sorridere, anche quando la politica si faceva dura ed aggressiva. Senza alcuna retorica possiamo affermare che era una persona per bene. Ci dispiace tantissimo per la sua improvvisa e dolorosa perdita, venendo meno una figura di uomo serio, intelligente, moralmente irreprensibile, di cui le comunità locali hanno particolarmente bisogno, per restituire fiducia ai cittadini nel lavoro delle istituzioni. Grazie sindaco! Grazie Fabrizio per quello che hai fatto in questi anni per la tua Spoleto e per tutta l’Umbria”.

Sereni “Apprendo con dolore la notizia della morte del sindaco di Spoleto, Fabrizio Cardarelli, amministratore fortemente legato alla sua città, capace, appassionato e sempre disponibile al confronto con le istituzioni e i cittadini. Alla famiglia e alla città di Spoleto esprimo il mio profondo cordoglio”. Così Marina Sereni, vicepresidente della Camera dei Deputati.

Boccardo Dolore e tristezza per la perdita di Fabrizio Cardarelli sono stati espressi dall’arcivescovo di Spoleto-Norcia e presidente della Conferenza episcopale umbra, monsignor Renato Boccardo. Il presule, come si legge in una nota dell’Archidiocesi, “eleva al Signore fervide preghiere di suffragio invocando la pace eterna per la sua anima ed esprime cordiale vicinanza alla moglie, ai figli, alla mamma e agli altri familiari”. Monsignor Boccardo ha tenuto a sottolineare la proficua collaborazione col sindaco Cardarelli su argomenti di interesse comune e la particolare attenzione del primo cittadino all’azione della Caritas diocesana. “Proprio l’altro giorno – fa sapere l’arcivescovo – ci siamo sentiti al telefono per un nuovo progetto da realizzare in sinergia a favore delle famiglie che vivono sotto la soglia di povertà e per fare il punto della situazione sulle chiese di Spoleto chiuse a seguito del terremoto dello scorso anno. Uomo generoso e cordiale, figlio, marito, padre premuroso e docente stimato, Sindaco sapiente, appassionato e impegnato alla ricerca del bene comune, insieme alla Pastorale giovanile della Diocesi fu tra gli insegnanti-promotori delle ripetizioni gratuite agli studenti. Eletto sindaco ha continuato, con discrezione e immutata professionalità, in questo servizio alle giovani generazioni, per le quali ha speso gran parte della sua vita e nelle quali riponeva grande fiducia per il futuro della Città”.

Pd Umbria “La prematura scomparsa del sindaco di Spoleto Fabrizio Cardarelli ci colpisce e ci addolora. Se ne va un uomo delle istituzioni, un uomo per bene, politico autentico, che da primo cittadino ha dato tanto alla sua città con lealtà, generosità e grande passione. Da oggi siamo tutti più poveri. A nome del Pd Umbria e del Pd provinciale di Perugia esprimiamo alla famiglia le nostre più sincere e sentite condoglianze”. Così, in una nota, il segretario regionale del Pd Giacomo Leonelli e quello provinciale di Perugia Leonardo Miccioni.

Mismetti “La notizia della prematura e improvvisa scomparsa di Cardarelli mi ha colpito profondamente sia come rappresentante delle istituzioni che dal punto di vista umano. In questi anni, nonostante collocazioni politiche diverse, la città di Spoleto ha sempre collaborato con la Provincia di Perugia in maniera fattiva e proficua. Inoltre sul piano personale i rapporti sono sempre stati caratterizzati da massima simpatia e cordialità. A nome della Provincia esprimo il più profondo e sincero cordoglio e vicinanza alla famiglia in questo momento di lutto e di dolore”, dice sindaco di Foligno e presidente della Provincia Nando Mismetti.

Alemanno Il sindaco di Norcia, Nicola Alemanno, esprime cordoglio per l’ improvvisa scomparsa di Fabrizio Cardarelli, sindaco di Spoleto. “Persona e amico leale e per bene sia nella vita privata che nella sua attività di amministratore, sempre attento al bene comune e vicino ai piccoli Comuni della Valnerina. La scomparsa di Fabrizio è una perdita non solo per Spoleto ma per tutta l’ Umbria”.

Giulietti “Fabrizio Cardarelli era un sindaco, un uomo delle istituzioni – scrive il parlamentare umbro del Partito democratico, Giampiero Giulietti -, appassionato della sua Città. Mancherà a Spoleto e a tutta l’Umbria. Un abbraccio alla sua famiglia”.

Laffranco “Piango la scomparsa di Fabrizio Cardarelli, uomo di scuola, bravo amministratore che stava risanando, a prezzo di grandi sacrifici, la sua Spoleto e gran brava persona, ben voluta da tutti coloro che lo conoscevano – così il deputato umbro di Forza Italia -. Sono vicino alla famiglia e mi stringo ai suoi amici, certo che ne continueranno l’opera”.
Nevi “Esprimo profondo cordoglio e le più sentite condoglianze alla famiglia Cardarelli, a nome mio personale e del gruppo di Forza Italia alla Regione Umbria”. Così il capogruppo di Forza Italia Raffaele Nevi in merito alla “prematura scomparsa dell’amico sindaco di Spoleto Fabrizio Cardarelli”.
Betti “Fabrizio mi accompagnava come vice presidente in questa nuova avventura dell’Auri. Ho potuto conoscere una bellissima persona, competente, appassionata, seria, leale. Sono davvero stravolto dalla sua prematura scomparsa. Le mie più sincere condoglianze alla sua famiglia”. Con queste parole il presidente dell’Autorità umbra per rifiuti e idrico Cristian Betti ha voluto esprimere il proprio cordoglio e quello dell’ente che rappresenta per l’improvvisa scomparsa di Fabrizio Cardarelli, sindaco di Spoleto ma anche vicepresidente dell’Auri.

 

Ronconi “Fabrizio Cardarelli ha rappresentato un esempio di attaccamento, impegno, amore per la sua città, Spoleto, che ha servito sempre con dedizione e straordinaria capacità – afferma l’ex parlamentare Maurizio Ronconi -. Mancherà la sua presenza, la sua passione, la sua capacità. La politica, a di là dei partiti, per Fabrizio ha rappresentato sempre lo strumento per interpretare ed essere vicino ai suoi concittadini. Nella sua esistenza, ha speso bene i suoi talenti e questo sarà di consolazione per la sua famiglia e per quanti lo hanno conosciuto e apprezzato”.

Partita rinviata Anche il calcio si ferma per la scomparsa del sindaco Cardarelli. La partita di calcio valida per la quattordicesima giornata del campionato di Eccellenza prevista allo stadio comunale tra la Voluntas Spoleto e la Narnese è stata rinviata a data da stabilirsi.

Monini a Gioia del Colle col lutto al braccio Profondo cordoglio dalla Monini Marconi Volley, di cui Cardarelli fu anche presidente: “Oltre ad essere un grande sportivo e tifoso gialloblù – si legge in una nota della società -, il professore era stato anche presidente della società nella prima parte della stagione 2007/2008, lasciando poi il testimone a Maurizio Zualdi. E’ stato proprio Zualdi uno dei primi ad essere informato della tragedia. Lui che insieme al prof. Cardarelli e a Zefferino Monini condivideva non solo la passione per la pallavolo ma anche quella per la politica, oltre ad una sincera amicizia”. La prima squadra della Monini Marconi, impegnata oggi in trasferta a Gioia del Colle, ha chiesto ed ottenuto da parte della Lega Volley il minuto di silenzio prima della gara, nella quale i giocatori oleari scenderanno in campo con il lutto al braccio. “Il vuoto che Fabrizio lascia a Spoleto è incolmabile – scrive ancora il sodalizio gialloblù -, la Monini Marconi partecipa commossa al dolore della moglie Emanuela, dei figli Giulia e Carlo e di tutti i parenti e gli amici”.

Lega Nord Il senatore Stefano Candiani, tutti gli esponenti della Lega Umbria, rappresentanti ed iscritti al partito, esprimono grande cordoglio per la scomparsa del sindaco di Spoleto, Fabrizio Cardarelli e fanno ai suoi familiari ed amici le più sentite condoglianze. “Ci metteremo a disposizione della città di Spoleto – scrive il senatore Candiani – perché l’esperienza e l’opportunità di alternativa alla sinistra espressa dal sindaco Cardarelli e dalla sua giunta, non si fermino con la sua scomparsa, ma possano trovare continuità”.

Guasticchi “Si fa fatica a trovare le parole giuste per esprimere vicinanza alla famiglia e alla comunità spoletina e alla sua gente di cui andava fiero ed orgoglioso di rappresentarla in ogni luogo ed occasione pubblica. L’improvvisa scomparsa del Sindaco di Spoleto Fabrizio Cardarelli, amico, amministratore serio, preparato, sempre sorridente e garbato, ci lascia sgomenti”. Così Marco Vinicio Guasticchi, vice-presidente dell’Assemblea legislativa dell’Umbria che aggiunge: “Ho avuto modo di conoscerlo ed apprezzarne le doti umane, professionali ed istituzionali in varie occasioni, prima come Presidente della Provincia di Perugia e poi, come vice-presidente dell’assemblea legislativa regionale ed ho trovato sempre grande disponibilità al dialogo, alla collaborazione e sinergia per il bene dei cittadini e delle comunità locali. Fabrizio era un vero signore delle Istituzioni che lascerà in tutti noi nei sono sicuro un esempio da seguire”.

Ricci “Stamattina quando ho appreso, costernato, della scomparsa di Fabrizio Cardarelli, Sindaco di Spoleto, ho avuto la sensazione di aver perso una parte della mia storia”. Così il consigliere regionale Claudio Ricci (RP-già sindaco di Assisi) che aggiunge; “Fra Sindaci, in carica o emeriti, si creano vincoli di stima e amicizia che vanno molto oltre. Oltre la politica e i differenti territori. Forse è il ruolo, così difficile, vicino a persone e attività, in momenti complessi, spesso soli fra i tanti problemi e le poche risorse per risolverli. Ci si sente parte di un ‘corpo istituzionale’, in ‘prima linea’, al servizio delle comunità locali. Così quando un sindaco, un autentico amico con il quale avevo condiviso esperienze e la sua proposizione a Sindaco di Spoleto nel 2014 ‘sino all’ultimo palco in piazza’”. Ricci ricorda che “sempre e in ogni momento il rapporto tra noi era improntato ad affetto e stima reciproca. Fra i ricordi ne estraggo uno: quel pomeriggio, nella primavera del 2014, al Teatro Menotti con il quale discutemmo, dei progetti culturali per Spoleto in sinergia con Assisi (il ‘patto di amicizia’ venne stipulato nel 2015). Spoleto con il Festival e Assisi nel nome di Francesco e Giotto sono due luoghi ‘Patrimonio dell’Umanità’ dell’Umbria a livello internazionale. Vorrei rivolgere sentimenti di vicinanza alla famiglia e ai suoi collaboratori di Giunta e al Consiglio Comunale. Ci ha lasciato una “ampia eredità di valori” – conclude Ricci – abbiamo imparato da Fabrizio che il ‘fare’ è un atto di credibilità quando si svolge con concretezza, senso trascendente del dovere e con quella sobrietà umanistica che è lo spirito di coloro i quali sono destinati a rimanere, nei nostri ricordi e nei nostri cuori, per sempre”.

Gruppi consiliari Nell’esprimere il proprio cordoglio in questa tragica giornata per l’intera città di Spoleto, tutti i consiglieri comunali desiderano ricordarne il valore umano, la generosità, l’abnegazione e la passione al lavoro che lo ha visto impegnato fino all’ultimo nel rappresentare al meglio Spoleto ed i propri cittadini, svolgendo sempre con estrema serietà  il proprio incarico istituzionale. “La scomparsa di Fabrizio è una perdita terribile – afferma il presidente del Consiglio comunale, Giampiero Panfili -, sia per me personalmente, perché viene a mancare un carissimo amico, sia per la città perché è raro trovare una persona onesta, diretta, trasparente, che ogni giorno riesce a tradurre così generosamente i propri valori personali nell’impegno per la causa comune e per il bene della città. Aveva affrontato le mille sfide e le tante difficoltà della politica con lo stesso spirito appassionato e coinvolgente con cui affrontava tutte le cose della vita. Perdendo Fabrizio viene a mancare, anche per la comunità, un punto di riferimento, una sorta di figura paterna che inopinatamente se ne va, lasciandoci orfani. In questo momento più forti del dolore e della mancanza sono però il tuo ricordo e il tuo esempio. Alla famiglia i miei sentimenti di cordoglio e di vicinanza”.

(Servizio in aggiornamento) 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere