CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Isola del Libro, la campionessa Marta Pagnini ha chiuso il sipario

Eventi Cultura e Spettacolo Trasimeno Città

Isola del Libro, la campionessa Marta Pagnini ha chiuso il sipario

Francesca Cecchini
Condividi

“Nulla è facile per noi che, magari, abbiamo vinto tanto. Io mi do la possibilità di provare, anche sbagliando, E questo per me significa solo una cosa: libertà”.

PASSIGNANO SUL TRASIMENO – Sacrificio, perseveranza e grande forza di volontà, costanti che hanno caratterizzato Marta Pagnini fin da quando era bambina e l’hanno accompagnata nel grande viaggio compiuto nel mondo della ginnastica ritmica. Stamattina (27 ottobre) al nuovo palazzetto dello Sport di Passignano sul Trasimeno con la presentazione del libro Fai tutto bene. Come la fatica mi ha insegnato a vincere (Baldini+Castoldi) la pluri campionessa mondiale, autrice del volume con Ilaria Brugnotti, è stata la protagonista dell’ultimo appuntamento 2018 di Isola del Libro Trasimeno, manifestazione ideata da Italo Marri, che ha chiuso il sipario con un interessante e costruttivo connubio di sport e cultura. L’evento, organizzato in collaborazione con il Coni Umbria, ha visto la partecipazione di Rossana Ciuffetti, direttore della Scuola nazionale dello sport del Coni, Domenico Ignozza, presidente del Coni Umbria, Antonella Piccotti, presidente del comitato regionale FGI e del senatore Luca Briziarelli. In veste di coordinatore il giornalista Riccardo Marioni.

Il libro, che arriva a quasi due anni dall’ultima gara dell’allora capitano della Squadra Nazionale Italiana, i Giochi Olimpici del 2016 a Rio de Janeiro, racconta ai lettori la storia di Marta, bambina di 8 anni che quasi casualmente inizia a praticare la ginnastica ritmica. Uno sport che, giorno dopo giorno, diventa il centro della sua vita, e che pratica con tanta perseveranza – e una spinta motivazionale fuori dal comune – da trasformarsi nella splendida farfalla che tutti abbiamo ammirato nel corso degli anni. “Fai tutto bene”, il titolo del libro, è una sorta di motto. L’obiettivo (se fai tutto bene), sia nella vita quotidiana che nello sport, è essere appagati dal proprio risultato “che sia un primo posto, che sia un quarto, che sia un decimo, deve essere il massimo di quello che tu puoi fare in quel momento. Per me è stato sempre così”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere