CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Educazione minorile: progetto da 1,6 milioni tra Umbria, Marche e Abruzzo

Perugia Cronaca e Attualità Terni

Educazione minorile: progetto da 1,6 milioni tra Umbria, Marche e Abruzzo

Redazione
Condividi

Fabrizio Stazi, segretario generale della Fondazione
PERUGIA – Rispondere ai crescenti fabbisogni educativi dei giovani tra i 5 e i 14 anni attraverso attività formative e laboratoriali che coinvolgono una rete di docenti, educatori, famiglie e studenti finalizzate al contrasto della povertà educativa minorile. Questo l’obiettivo di Next 5.14, il progetto presentato mercoledì mattina nella sede della Fondazione Cassa di risparmio di Perugia nato da un lavoro di coordinamento e sinergia tra la Fondazione perugina, la Fondazione Cassa di risparmio di Ascoli Piceno e la Fondazione Cassa di risparmio della Provincia di Teramo e selezionato nell’ambito del bando “Nuove Generazioni 5-14” dall’Impresa sociale con i bambini, il soggetto attuatore del Fondo per il contrasto alla povertà educativa minorile nato da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum nazionale del Terzo settore e il governo con l’obiettivo di sostenere interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori.

 

Enti Come spiegato nel corso della conferenza stampa da Giuseppe Sestili, responsabile per i progetti speciali dell’Istao, ente capofila, il progetto – che si propone anche di valorizzare le potenzialità dei giovani che presentano particolari attitudini e caratteristiche – coinvolge 39 soggetti selezionati nelle province di Ascoli Piceno, Perugia e Teramo le tre Fondazioni di origine bancaria, 18 istituti scolastici, 16 operatori specialistici, un soggetto responsabile della comunicazione e un organismo preposto alla valutazione di impatto.

Inclusione sociale e culturale Il segretario generale Fabrizio Stazi ha evidenziato il ruolo catalizzatore della Fondazione Cassa di risparmio di Perugia impegnata nel coinvolgere una rete di attori e calamitare risorse finalizzate a creare un progetto che favorendo azioni finalizzate all’inclusione sociale e culturale dei giovani abbia un impatto reale e a lungo termine sul contrasto della povertà educativa minorile “un tema su cui le Fondazioni di origine bancaria si sono messe in gioco e che ci sta particolarmente a cuore”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere