CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Istituto di Scienze religiose, suor Roberta Vinerba è il nuovo direttore

Cronaca e Attualità Assisi

Istituto di Scienze religiose, suor Roberta Vinerba è il nuovo direttore

Redazione
Condividi

Suor Roberta Vinerba

PERUGIA – Suor Roberta Vinerba, francescana diocesana della Chiesa di Perugia-Città della Pieve, è il nuovo direttore dell’Istituto superiore di scienze religiose (Issra) di Assisi. È la prima volta che questo organismo, collegato alla Pontificia università lateranense e che ha come fine la formazione teologica dei laici e delle persone consacrate, viene guidato da una donna. Succede a padre Pietro Maranesi dell’ordine dei Frati minori cappuccini dell’Umbria.

La scelta La scelta della Vinerba è stata compiuta dai vescovi umbri, tra i nomi dei docenti indicati dal Consiglio d’istituto. Tale scelta è stata poi accolta e ratificata dall’arcivescovo Angelo De Donatis, vicario per la diocesi di Roma e gran cancelliere della Pontificia università lateranense. È stato infine l’arcivescovo-vescovo di Assisi-Nocera Umbra-Gualdo Tadino Domenico Sorrentino, nella sua veste di moderatore dell’Istituto e presidente della ‘fondazione Benedetto da Norcia e Francesco di Assisi’ che promuove l’attività dell’Istituto teologico e dello stesso Issra, a darne comunicazione ai docenti e al personale dell’organismo. Con la nomina di suor Roberta Vinerba la Chiesa umbra ha così potuto attuare uno degli orientamenti più caratteristici ed innovativi offerti dal discernimento pastorale di papa Francesco, che ha sempre riconosciuto nel maggior coinvolgimento della donna in ruoli direttivi un necessario e fecondo segno di conversione ecclesiale.

Onorata “Sono onorata – afferma la Vinerba – di questo servizio che i Vescovi umbri mi hanno affidato, che ha come specificità la valorizzazione, attraverso una accurata formazione, del carisma dei laici, chiamati sempre di più ad essere i protagonisti nella Chiesa di oggi. Per questo è mio desiderio lavorare in piena comunione con gli organi accademici, col tessuto ecclesiale e culturale dell’Umbria”. A quanti la conoscono e collaborano con lei da tempo, è facile prevedere la qualità professionale e la cura nel creare reti di comunione che caratterizzeranno la sua direzione Issra.

I vescovi umbri “Dopo la nomina di padre Giulio Michelini, dei Frati minori dell’Umbria, a preside dell’Istituto teologico di Assisi – afferma Renato Boccardo, arcivescovo di Spoleto-Norcia e presidente della Conferenza episcopale umbra -, viene ora resa pubblica quella di suor Roberta Vinerba all’Issra. Queste due istituzioni sono particolarmente significative per la vita della Chiesa nella nostra Regione. Nel ringraziare, a nome di tutti i miei confratelli vescovi della regione, suor Roberta per la disponibilità manifestata nell’assumere l’importante incarico. L’augurio – conclude Boccardo – è che la sua conduzione contribuisca a un sempre migliore e qualificato servizio dell’Istituto per la formazione degli agenti pastorali, chiamati ad annunciare e diffondere nel nostro tempo la gioia del Vangelo”.

 

La biografia Nata a Perugia nel 1964, nel 1999 ha emesso nelle mani dell’arcivescovo di Perugia-Città delle Pieve del tempo, mons. Giuseppe Chiaretti, la professione definitiva dei voti in una forma di vita francescana diocesana. Conseguito il dottorato in Teologia morale presso la pontificia università Gregoriana, ha diretto dal 1999 al 2008 la Scuola diocesana di formazione teologica ‘Leone XIII’ di Perugia. Da molti anni è docente di Teologia Morale sia dell’Istituto teologico che dell’Istituto superiore di scienze religiose di Assisi, tenendo corsi particolarmente attinenti alla dottrina sociale della Chiesa e agli ambiti propri della ricerca bioetica. Presidente del ‘circolo Giorgio La Pira’ e membro dell’associazione Teologica per lo studio della morale, ha al suo attivo numerose pubblicazioni, nonché un’intensa attività nel campo della comunicazione radio-televisiva, attraverso regolari collaborazioni soprattutto con “Inblu radio” (circuito nazionale delle radio cattoliche), il quotidiano ‘Avvenire’ e ‘Tv200″.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere