CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Iron Grifo, ko anche il Cittadella: la doppietta di Di Carmine decide l’incontro

Calcio Sport Extra EVIDENZA2

Iron Grifo, ko anche il Cittadella: la doppietta di Di Carmine decide l’incontro

Alessandro Minestrini
Condividi

Di Carmine esulta dopo il gol dell'1-0 (foto Settonce)

Perugia (4-3-3): Rosati, Monaco, Guberti, Di Carmine (43′ st Bianchi), Dezi, Volta, Zebli (31′ st Acampora), Belmonte, Nicastro (17′ st Buonaiuto), Di Chiara, Brighi. A disp.: Elezaj, Imparato, Ricci, Zapata, Chiosa, Alhassan. All. Bucchi

Cittadella (4-3-1-2): Alfonso, Benedetti (18′ st Martin), Iori, Valzania (34′ st Strizzolo), Schenetti, Litteri, Pedrelli, Bartolomei, Pelagatti, Pasa, Kouame (23′ st Arrighini). A disp.: Paleari, Salvi, Lora, Chiaretti, Varnier, Martin, Paolucci. All. Venturato.

Arbitro: Marco Serra della sezione di Torino (Intagliata – Fiore)

Reti: 3′-19′ st Di Carmine

Note: 8.240 spettatori di cui 2.088 paganti (6.152 abbonati). Ammonito Di Chiara, Monaco, Di Carmine, Alfonso

PERUGIA – Il Grifo continua a volare altissimo. Con il 2-0 al Cittadella, prosegue il momento magico per gli uomini di mister Bucchi, che mettono in cassaforte il quarto successo consecutivo. Mattatore dell’incontro, ancora una volta lui: uno strapitoso Samuel Di Carmine autore anche nella gara odierna di una straordinaria doppietta. E ora la situazione si fa veramente ghiotta: solamente 5 punti separano i grifoni dalla neocapolista Verona.

La cronaca Ritmi pirotecnici nei primi minuti di partita. Grifo subito avanti 1′ dopo l’inizio della partita. Di Carmine, ma la palla viene spazzata via. Al 2′ colpo di testa di Litteri davanti alla porta di Rosati, la sfera finisce lontano dai pali. Primo sussulto al 4′. Brighi ci prova da fuori, l’estremo difensore ospite salva in rimessa laterale. Tiro a giro di Guberti una manciata di secondi dopo. La sfera sorvola la traversa. L’area del Cittadella è un assedio. Altra grandissima azione dei biancorossi, che termina con la conclusione troppo alta di Di Carmine. All’8′ i veneti rispondono agli attacchi dei padroni di casa. Gran tiro di Kouame, Rosati salva in corner. Litteri all’11 prova a portare in vantaggio i suoi. Rosati respinge con prontezza. Calcio di punizione per gli ospiti, il portiere biancorosso respinge coi pugni. Sulla respinta, destro di Valzania che finisce a lato. Doppia occasione al 18′ per uno scatenato Dezi. In entrambi i casi la palla finisce di pocchissimo fuori. Il Cittadella non resta a guardare e al 19′ prova il gol con Iori. Rosati ci arriva, ci pensa poi Monaco a liberare l’area. Dopo 25′ ad alti livelli, il ritmo inizia a farsi un po’ più blando. Il Perugia torna a trillare intorno alla mezz’ora di gioco. Guberti come un fulmine entra in area, prova a servire Di Carmine ma Alfonso gli sfila la palla dai piedi. Ospiti più cattivi sul finire della prima frazione, di conseguenza diventano quasi nulle le incursioni dei grifoni nella metà campo avversaria. Dopo 45′, l’arbitro manda tutti al riposo.

Si ritorna sul campo e per il Perugia si presenta col coltello fra i denti. Al 48′ Dezi dal limite prova a metterla dentro, ma Alfonso salva in corner. Sugli sviluppi del tiro dalla bandierina Brighi colpisce di testa, la palla resta ferma davanti alla porta e ci pensa Di Carmine a metterla dentro. Al 51′ il Cittadella prova a regire con Pasa. Il suo sinistro termina alto. E’ il 53′ quando i grifoni protestano veementemente per un fallo non visto dall’arbitro. Il direttore di gara fa allontanare dalla panchine il team manager biancorosso Baldoni. Primo cambio per il Perugia al 63′; al posto di Nicastro entra Buonaiuto. Anche mister Venturato effettua la prima sostituzione pochi istanti dopo. Martin prende il posto di Benedetti. Il raddoppio del Perugia arriva al 64′. Guberti crossa della sinistra, sponda di testa del neoentrato Buonaiuto; Di Carmine è come sempre prontissimo e non fallisce nella realizzazione della doppietta.  Al il direttore di gara ordina – forse a causa di un doppio tocco di Rosati (ammonito per proteste) – un calcio di punizione a due in area. Il pallone viene ribattuto dalla difesa biancorossa, Pedrelli conlude altissimo. Seconda sostituzione per i padroni di casa al 70′; Acampora prende il posto di Zebli. Al 72′ Acampora sfiora il 3-0. La deviazione di Valzania metta la sfera in angolo. Rosati al 78′ risponde benissimo a Bartolomei. All’87’, tra gli scroscianti applausi del “Curi”, il mattatore della partita esce dal terreno di gioco per dare spazio a Rolando Bianchi. Sono troppi due gol da recuperare, il Cittadella molla la presa e dopo 4′ di recupero la festa può iniziare.

Le parole di Bucchi “Stiamo crescendo e migliorando. Le prime giornate eravamo esteticamente belli, ma raccoglievamo poco. Ci stiamo avvicinando a un equilibrio fra prestazioni e risultati”, ha detto il tecnico biancorosso in sala stampa. E poi sui cori rivolti a lui dopo la partita non nasconde la propria gioia: “Mi ha fatto veramente piacere sentire quei cori, mi hanno riportato ai tempi in cui ero io a fare gol”.

Caos in sala stampa Nella giornata di ieri, poco prima dell’inizio della consueta conferenza di mister Bucchi, Danilo Tedeschini – giornalista pubblicista collaboratore della testata sportperugia.it- è stato allontanato dalla sala stampa. Si è atteso che Tedeschini uscisse prima che iniziasse la conferenza, motivo per cui è partita con mezzora di ritardo. Agli stessi colleghi è stato negato l’accredito annuale. Della vicenda è stato interessato il sindacato di categoria.

Perugia-Cittadella, le immagini (foto Settonce – clicca qui per tutta la gallery)

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere