CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Ipotesi voto anticipato a Terni, Unione Civica si sbilancia e Ferranti risponde a Nevi

Terni Politica

Ipotesi voto anticipato a Terni, Unione Civica si sbilancia e Ferranti risponde a Nevi

Andrea Giuli
Condividi

TERNI – L’intervista rilasciata qualche giorno fa dal capogruppo di Forza Italia in Regione, Raffaele Nevi, a lanotiziaquotidiana.it, in cui l’esponente forzista si dichiara disponibile ad una sua candidatura a sindaco per uno schieramento largo che vada dalle forze classiche del Centrodestra a liste e movimenti civici, comincia a sortire i primi effetti. Qualcuno cioè, comincia, più o meno direttamente, ad uscire allo scoperto.

Unione Civica La presidente di Unione Civica per Terni, Elisabetta Gugliotta, in una nota fa sapere che “mentre è ormai sotto gli occhi di tutti la crisi strutturale dei sistemi politici che fin qui hanno governato Terni, nelle assise di maggioranza e in quelle di opposizione, è naturale e necessario attraversare la fase del cambiamento, del ripensamento, in qualche caso anche abiura di credo politici che hanno deluso e disilluso. Unione Civica per Terni rinnova il proprio impegno per la città, perché ritiene che solo con la stretta collaborazione di tutti i cittadini si possa traghettare Terni verso una nuova speranza. Crediamo fermamente – sottolinea – che sia il momento di unire tutte le forze positive di coloro che ancora credono in questa città, che non può e non vuole soccombere. Per questo Uct ha deliberato in assemblea di presentare a settembre il suo progetto per la città di Terni, impegnandosi sin d’ora ad invitare e coinvolgere quelle associazioni, realtà cittadine democratiche ed eccellenze del territorio affinché si possa concretizzare un progetto unitario che veda al centro la rinascita del bene comune. Poiché – conclude -riteniamo che Terni debba saper esercitare un’azione aggregante nei confronti dei territori limitrofi in un progetto unitario di rinascita culturale, economica e sociale, estenderemo il nostro invito anche ai nostri vicini, agli amici di Spoleto, di Rieti ecc.”.

Non è escluso che, dopo questi incontri settembrini, la stessa Uct non si esprima su un possibile candidato sindaco. Proprio o gradito.

Ferranti Il capogruppo di FI al Comune di Terni, Francesco Ferranti, risponde invece direttamente a Nevi (durante l’intervista Ferranti era stato in qualche modo chiamato in causa): “Nonostante il caldo forte, i rapporti tra Nevi e il sottoscritto, rispettivamente primo e secondo più votati nel centrodestra in questa provincia da ormai un decennio, sono da sempre buoni sul piano personale, seri e di confronto sui temi politici. Se occorre essere in disaccordo ce lo siamo sempre detto – scrive – nelle segreterie di partito e quindi direi che va tutto benone. Per quanto riguarda il candidato sindaco, da vicecoordinatore vicario di FI nella provincia ternana, dico che prima si fanno gli gli Stati generali del centrodestra, poi programmi seri e coalizioni credibili, mentre la figura del candidato, quale essa sia, è la coda al ragionamento. In altre parole, nessun veto verso nessuno. Non serve chissà quale nome, basti pensare a Romizi a Perugia. Ma, attenzione – conclude – solo a chi ogni 3 anni cambia casacca e a chi, eletto nel centrodestra, diventa poi il portavoce dei pentastellati”.

Ogni impertinente e probabile riferimento ad un consigliere comunale di opposizione non è puramente casuale.

 

 

Tags:
Andrea Giuli
Andrea Giuli

Redattore

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere