CARICAMENTO

Scrivi per cercare



Inventer perugino conquista il premier Conte: “Lo porto a lavorare con me a Palazzo Chigi”

EVIDENZA Perugia Cronaca e Attualità Extra

Inventer perugino conquista il premier Conte: “Lo porto a lavorare con me a Palazzo Chigi”

Redazione
Condividi

Tommaso Vicarelli

PERUGIA – “Tommaso me lo porto via a Palazzo Chigi!”. Lo ha detto il premier Giuseppe Conte, a Bisceglie, dal palco di Digithon, dopo avere ascoltato l’idea di start-up di un giovanissimo inventer di Perugia, Tommaso Vicarelli, la ‘Secure Shelter’ per il monitoraggio statico delle infrastrutture in tempo reale. Tommaso ha spiegato che con l’Università di Perugia ha fatto l’analisi strutturale di alcuni edifici, agganciando a tale sistema di analisi degli algoritmi per capire in tempo reale se un edificio è in buone condizioni. Il sistema, ha spiegato, si basa su sensori di accelerazione. “Come una corda di chitarra – ha spiegato – quando la struttura non vibra più nello stesso modo vuol dire che si è scordata, e questo serve a capirne le condizioni”. A questo punto Conte ha invitato il ragazzo a seguirlo a Roma: “Devi sapere che stiamo lavorando a un decreto su emergenza, controllo, monitoraggio e ammodernamento delle infrastrutture, dopo quello che è successo al ponte Morandi”.

Emozione “Ricevere i complimenti del premier Giuseppe Conte è stata un’emozione forte. Insieme a tutto il team di Weedea sono pronto a collaborare con il Governo”, ha detto all’Ansa, è l’ingegnere perugino dopo che a Bisceglie, in occasione del Digithon, ha ‘conquistato’ il premier con la sua idea di start-up ‘Secure Shelter’ per il monitoraggio statico e dinamico delle infrastrutture, un’idea “nata” dal sisma. “Tommaso me lo porto a Palazzo Chigi” ha detto il capo del Governo. Vicarelli, 30 anni, laureato alla facoltà di Ingegneria informatica ed elettronica dell’Università di Perugia, spiega che eventualmente con il premier “dovranno andare tutti i membri del team”. “Il nostro progetto – ha spiegato – è figlio di una squadra”. Nato nel 2016, ha partecipato a un bando riservato alle Pmi innovative della Regione Umbria. Si tratta di un sistema di monitoraggio in grado di catturare ogni minima oscillazione di un edificio. “Da umbro – ha spiegato – l’idea nasce dal terremoto”. Insomma, la favola di Tommaso sempre essere iniziata.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere

Prossimo