CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Infrastrutture, Toninelli sul viadotto Puleto rassicura: “Riaprirà ai mezzi pesanti tra un mese”

EVIDENZA Perugia Cronaca e Attualità Alta Umbria Extra Città

Infrastrutture, Toninelli sul viadotto Puleto rassicura: “Riaprirà ai mezzi pesanti tra un mese”

Redazione
Condividi

VALSAVIGNONE – “Il viadotto Puleto è stato riaperto l’ altro ieri, ed è una buona notizia anche se è stato riaperto parzialmente, e l’ obiettivo è riaprilo anche ai mezzi pesanti”: lo ha detto il ministro delle Infrastrutture e Trasporti, Danilo Toninelli, al termine della visita che ha effettuato nella giornata del 15 febbraio al viadotto Puleto sulla E45.

Buone notizie “Le notizie sembrano essere buone -ha proseguito il ministro – il cantiere di Anas sta andando avanti e, mi dicono, entro trenta giorni si potrà presentare alla procura un’ altra perizia sulla tenuta del viadotto e probabilmente, dipende dalla procura, in poche settimane si potrà riaprire anche ai mezzi pesanti per tornare finalmente alla normalità”.

Presto il decreto sblocca appalti “Chi dice che siamo contro le infrastrutture dice una falsità totale – ha aggiunto Toninelli – Ieri ho incontrato i vertici di Ance, l’ associazione dei costruttori edili, che sono ben felici di aver sentito da me che nelle prossime settimane faremo un decreto sblocca cantieri che semplifica le norme del codice degli appalti fatte dal precedente governo, un disastro che ha bloccato i cantieri. Anche semplificare le procedure degli appalti è una grande opera”.

Riforma “Il decreto anticiperà la legge delega – ha spiegato Toninelli – che riformerà l’ intero codice degli appalti perché vogliamo rilanciare l’ economia. Questo è un governo che è a favore delle grandi opere necessarie e utili”.

Annullata Dopo le rassicurazioni del ministro è stato deciso di annullare la manifestazione dei sindaci in programma sabato mattina a Canili. “Evidentemente il solo annuncio della manifestazione di domani ha sortito, nei confronti del Governo, più effetti delle tante lettere scritte in questo mese – si legge in una nota -, ed è bastato a convincere i ministri Toninelli e Di Maio ad affrontare concretamente la situazione. Possiamo dire quindi che è un risultato raggiunto grazie all’impegno concreto che tutte le nostre comunità hanno saputo esprimere in modo coeso e unito. Se le promesse che ci sono state fatte oggi saranno mantenute, quindi, le richieste dei Comuni, della associazioni di impresa e di categoria e dei sindacati dei lavoratori troveranno la giusta attenzione e, poiché la manifestazione di domani Canili era convocata con il preciso intento di chiedere al Governo l’attenzione che sino ad ora ci aveva negato, riteniamo sia giusto non svolgerla. Ciò non significa – conclude la nota – certamente abbassare la guardia. Anzi, il Governo deve avere chiara una cosa: se fra un mese esatto le promesse fatte oggi dal ministro Toninelli non saranno mantenute, torneremo a manifestare insieme a cittadini, lavoratori, associazioni, sindacati ed imprenditori non più a Canili ma direttamente a Roma”.

Deputati Pd “Con grande senso di responsabilità, i sindaci dei Comuni attraversati dall’e45 hanno annullato la manifestazione in programma per domani aprendo un credito di fiducia nei confronti del ministro delle Infrastrutture, Danilo Toninelli, che si è recato sul viadotto”. Lo dichiarano i deputati del Partito democratico Walter Verini e Marco Di Maio, a proposito del viadotto Puleto della E 45. “Senza le lettere – continuano – gli atti parlamentari e la manifestazione popolare organizzata per domani probabilmente non si sarebbe neppure recato sul posto. Bene, è un primo passo positivo. Toninelli si è assunto impegni precisi da attuare entro un mese, compreso un incontro con il ministro Luigi Di Maio che in queste settimane non ha mai fatto sentire la propria voce, di fronte alle ripetute sollecitazioni che gli sono giunte. Comincia un conto alla rovescia di 30 giorni al termine del quale si misureranno le risposte concrete che saranno arrivate”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere