CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Qualità della vita: Perugia va in ‘recupero’ di 13 posti, Terni arranca

Perugia Cronaca e Attualità Terni Extra EVIDENZA2

Qualità della vita: Perugia va in ‘recupero’ di 13 posti, Terni arranca

Redazione economia
Condividi

Una panoramica di Perugia

PERUGIA – Sale Perugia, scende Terni, ma l’Umbria in generale non se la passa bene. La classifica annuale della qualità della vita a opera de Il sole 24 ore che mette a confronto le province italiane non lascia scampo: il capoluogo di regione, comunque guadagna 13 posizioni rispetto all’anno scorso e si attesta in posizione 44 con 477 punti, mentre Terni scende ancora di tre posizioni ed è ferma al 68. posto (443 punti). Entrambe, lontanissime dalla città con la miglior qualità della vita che è Aosta (589 punti) davanti – incredibile, ma forse no – a Milano e Trento.

Sei gli indicatori in base alla quale è stata realizzata la media: reddito-risparmio-consumi, affari-lavoro-innovazione (è qui che Milano sbanca), ambiente-servizi-welfare, demografia-famiglia-integrazione, giustizia-sicurezza-reati (ovviamente il calcolo mette in testa le città dove ce ne sono meno), cultura-tempo libero-partecipazione. Per quanto riguarda l’indicatore del reddito Terni è al 79. Posto, dietro Perugia (72.), entrambi in crollo verticale; il podio è Aosta-Milano-Trieste; sul fronte affari-lavoro-innovazione Perugia in salita (44.), Terni scende (68.) con Milano come detto primissima. Sul fronte demografia-famiglia-integrazione Terni è in leggera risalita in posizione 72, parecchio lontana da Perugia che invece ha guadagnato in un anno 13 posizioni ed è 22. (prima Aosta).

La graduatoria ambiente-servizi-welfare vede Perugia in posizione 24, in netta risalita (+12); Terni crolla (-15) ed è in posizione 67; qui la capofila è Livorno. Sul fronte giustizia-sicurezza-reati la città più sicura è Belluno e Terni batte Perugia: la Conca guadagna 15 posti ed è quarantesima, il capoluogo di regione scende di 16 gradini e si attesta in posizione 82. Infine la graduatoria cultura-tempo libero-partecipazione vede in testa Roma (davanti a Firenze e Milano) con Perugia che guadagna 8 posti ed è in posizione 26, davanti a Terni che ne perde 12 è al numero 54.