CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Indagine sanità, al via agli interrogatori: Pacchiarini risponde al giudice, mentre due dirigenti no: nei prossimi giorni tocca a Barberini, Bocci e Duca

EVIDENZA Perugia Cronaca e Attualità Extra

Indagine sanità, al via agli interrogatori: Pacchiarini risponde al giudice, mentre due dirigenti no: nei prossimi giorni tocca a Barberini, Bocci e Duca

Redazione
Condividi

Il tribunale di Perugia

PERUGIA – Martedì mattina sono stati interrogati dal gip Valerio D’Andria il direttore sanitario dell’ ospedale di Perugia, Diamante Pacchiarini, insieme alle dirigenti Gabriella Carnio e Rosa Maria Franconi. Solo il primo ha risposto alle domande del giudice e dei pubblici ministeri. “Il dottor Pacchiarini – si è limitata a dire il suo difensore, l’avvocato, Maria Mezzasoma – ha risposto alle domande dei pm escludendo di aver tenuto condotte illecite”.

Sospensione “La sospensione dal servizio è un provvedimento eccessivo” ha detto l’ avvocato Franco Libori, che difende le dirigenti Carnio e Franconi i quali si sono invece avvalsi della facoltà di non rispondere. “Contestiamo le accuse mosse alle due professioniste – ha aggiunto -, componenti di commissioni in due diversi concorsi ma prima di sottoporci a interrogatorio vogliamo leggere tutti gli atti d’ indagine per valutare, in un secondo momento, se sarà opportuno rispondere alle domande dei pm”. Sulle stesse posizioni l’ avvocato Delfo Berretti che insieme a Libori assiste Carnio. “Ci troviamo di fronte – ha aggiunto – a una mole imponente di carte e di documenti, la posizione della nostra assistita è secondaria, nei prossimi giorni valuteremo le mosse future”.

Bocci e Barberini Fissato, intanto, il calendario dei prossimi interrogatoria: giovedì verrà sentito l’ex dg del Santa Maria della Misericordia, Emilio Duca (difeso dall’avvocato Francesco Falcinelli), insieme ai dirigenti Maria Cristina Conte, Roberto Ambrogi e Antonio Tamagnini destinatari di misure interdittive; venerdì 19, invece, verranno interrogati l’ex segretario del Pd Gianpiero Bocci, l’ex assessore Luca Barberini e il direttore amministrativo del nosocomio Maurizio Valorosi, tutti difesi dall’avvocato David Brunelli.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere