CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Inchiesta sanità, Marini esce allo scoperto: “Estranea ai fatti che ritengo sconcertanti, la verita venga accertata quanto prima”

EVIDENZA Perugia Cronaca e Attualità Politica Extra

Inchiesta sanità, Marini esce allo scoperto: “Estranea ai fatti che ritengo sconcertanti, la verita venga accertata quanto prima”

Redazione politica
Condividi

PERUGIA  – La presidente della Regione Catiuscia Marini sabato pomeriggio nel corso di una conferenza stampa ha rivendicato la sua “assoluta estraneità” rispetto alla sua posizione di indagata. “Ho appreso grazie al puntuale lavoro degli inquirenti di una situazione sconcertante – ha detto – che se sarà confermata risulta molto grave per la nostra regione”.”Tutelerò anche l’integrità morale della mia persona e della figura di presidente della Regione perché se confermato, ho il dovere di difendere non solo Catiuscia Marini ma la Regione che rappresento”, ha aggiunto.

Disponibilità La presidente della Regione, poi, ha dato la sua “disponibilità incondizionata a mettere a disposizione» di chi indaga ogni elemento in mio possesso fin da ora perché su questo ho degli obblighi istituzionali ma anche dei doveri morali che mi impongono di esercitare un ruolo non solo attivo ma proattivo. Chi mi conosce – ha sottolineato – sa il mio rigore che talvolta ha ispirato definizioni di una rigidità eccessiva, perché sono convinta che l’azione di trasparenza, correttezza e lealtà dell’amministratore pubblico è centrale. Quindi mi considero una interlocutrice prima ancora che soggetto a disposizione degli inquirenti”.

Commissario “Nella seduta della giunta di lunedì prossimo provvederemo ad attivare le procedure per la nomina di un nuovo commissario per l’ azienda ospedaliera di Perugia che per noi, in questa regione, è la principale azienda ospedaliera” ha annunciato Marini. “Su questa materia – ha sottolineato, nel corso della conferenza stampa di oggi pomeriggio – ho sempre agito con fermezza, con autonomia, con indipendenza, esercitando tutte le prerogative che la legge mi consente per garantire il funzionamento dell’ azienda”.

Benchmark. “Qui stiamo parlando di una regione che storicamente è una regione ” benchmark” del sistema sanitario, di adempimenti dei Lea (Livelli essenziali di
assistenza, ndr.), di equilibrio della spesa sanitaria: questo avoro deve essere messo al sicuro per il bene dei cittadini umbri”, sottolinea la Marini. “E quindi – ha detto – il primo messaggio lo do ai cittadini della mia comunità. Devono sapere che ogni azione sarà
improntata, come è stato in questi anni, al massimo rispetto delle finalità pubbliche e anche alla mia piena autonomia che ho sempre dimostrato nella funzione di governo e soprattutto nelle funzioni di indirizzo e di governo del sistema sanitario”.

Strumentalizzazioni La presidente ha anche sottolineato la necessità di evitare strumentalizzazioni politiche. “Io – ha detto – ho l” interesse che in questa fase si possa accertare la verità. E quindi non mi troverete in questi giorni all’ interno di una polemica politica”. “Il ruolo istituzionale che io rivesto – ha spiegato – mi impone in queste ore di assumere delle scelte dirette che siano volte ad assicurare al sistema dell” amministrazione regionale ed in modo particolare a quello sanitario alcuni provvedimenti, perché è necessario che il lavoro fin qui svolto da tanti amministratori pubblici di questa regione ma anche da tantissimi dipendenti pubblici non può andare disperso”.

 

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere