CARICAMENTO

Scrivi per cercare

In Umbria 12 parti in anonimato in due anni: per tutti avviate pratiche di adozione

EVIDENZA Perugia Cronaca e Attualità Terni Extra

In Umbria 12 parti in anonimato in due anni: per tutti avviate pratiche di adozione

Redazione
Condividi

Un neonato

PERUGIA – In Umbria nel 2016 ci sono stati 4 parti in anonimato, mentre nel 2017 sono stati 8. In particolare nel 2016 un caso c’è stato nell’ospedale di Città di Castello, uno a Foligno, uno nell’Azienda ospedaliera di Perugia e uno in quella di Terni. Nel 2017 un caso c’è stato nell’ospedale di Città di Castello, uno in quello di Pantalla, uno a Foligno, 3 nell’Azienda ospedaliera di Perugia e 2 in quella di Terni. È stato l’assessore regionale alla sanità, Luca Barberini, rispondendo a una interrogazione di Carla Casciari (Pd) durante il question time.

Adozioni “A Città di Castello e a Perugia – ha precisato Barberini – sono state utilizzate sempre le Culle per la vita, che sono richieste anche in altri presidi ospedalieri della Regione. Le procedure di adozione seguono precisi dettami normativi e sono state attuate per tutti i bambini che sono nati in anonimato. Per quanto riguarda la formazione, questa è svolta in modalità integrata per tutti gli operatori sociali e sanitari che si occupano della salute del minore e della donna, facendo parte dei piani di formazione delle Aziende sanitarie regionali. Continueremo con un potenziamento ulteriore nell’attività formativa per assicurare qualità a questo prezioso servizio”.

Replica Nella sua replica Casciari ha ringraziato l’assessore per “il quadro realistico fornito” e si è augurata che “continui l’impegno per potenziare i numeri del parto in anonimato, un percorso di tutela a 360 gradi in un momento difficile e delicato per la donna”.
Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere