domenica 24 Ottobre 2021 - 12:16
9 C
Rome

Imprese e lavoro, in Umbria 5.940 le assunzioni programmate per settembre

Uno scenario delineato dal Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal

PERUGIA – Uno segnale molto positivo dopo mesi di stasi. Per il lavoro in Umbria, l’autunno si apre in positivo. In crescita la domanda di lavoro delle imprese umbre (settore agricolo escluso) sia a settembre in corso, che nel trimestre settembre-novembre 2021. Uno scenario delineato dal Bollettino del Sistema informativo Excelsior, realizzato da Unioncamere e Anpal e illustrato dal presidente della Camera di commercio dell’Umbria, Giorgio Mencaroni.

Numeri e comparti

“Saranno 5.940 le assunzioni programmate dalle imprese per il corrente mese di settembre – riferisce il presidente Mencaroni – e saliranno a 16.430 unità nel trimestre da settembre a novembre 2021. In forte progressione settembre 2021 su settembre 2020, anno di pandemia: +82,7%, pari, in valore assoluto, a 2.690 entrate al lavoro in più”. Sottolinea Mencaroni: “Sono dati questi che ci riportano, superandoli, a quelli del 2019, l’anno prima della crisi da Covid 19”. La domanda di lavoro appare composta prevalentemente dai contratti a tempo determinato, con 2.970 unità, pari al 50% di tutte le entrate programmate a settembre. Seguono i contratti a tempo indeterminato, 1.188 (il 20%). Quali settori trainano la domanda di lavoro? A trainare la domanda a settembre sono essenzialmente turismo e ristorazione con 1.010 contrati (17% del totale), settore seguito dal commercio con 980 entrate (16,4%), servizi alla persona (710, 12%), quelli alle imprese (470, 8%) e dalle costruzioni (470, 8%). Nel complesso quindi due contratti su tre saranno nel settore dei servizi e nel 68% dei casi riguarderanno piccole e medie imprese con meno di 50 dipendenti. Quasi il 30% delle assunzioni poi riguarderà giovani con meno di 30 anni e l’11% i laureati, mentre il 17% dirigenti, specialisti e tecnici, una quota che dopo un recupero nel mese scorso torna ad allontanarsi dalla media nazionale del 23%.

- Pubblicità -spot_img

Ultime Notizie

More articles

- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

Agi