CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Il sisma ferma il Norcia 480: “Ci ritiriamo dal campionato”. Il Cascia prosegue

Cronaca e Attualità Foligno Spoleto Città

Il sisma ferma il Norcia 480: “Ci ritiriamo dal campionato”. Il Cascia prosegue

Emanuele Lombardini
Condividi

Un campo di calcio

NORCIA – Il comunicato sul sito della comitato regionale umbro della Figc è laconico. Dice solo che Norcia-Lugnano in Teverina, gara che si sarebbe dovuta giocare al Comunale Europa per la nona giornata del campionato, è stata rinviata. Ma la realtà è un’altra. Il Norcia 480, formazione di Prima Categoria girone D che porta nel nome l’anno di nascita di san Benedetto, non giocherà più, almeno per questa stagione: “Qui è un bombardamento di Troia – dice il dirigente Luigi Altobelli a lanotiziaquotidiana.it – i nostri ragazzi sono sparsi dappertutto e qui non c’è rimasto più niente”. Una decisione che il presidente Morelli e il vice presidente Agostino Cataldi non ha ancora reso ufficiale, ma che probabilmente lo diventerà a breve, viste le difficoltà ovvie dovute alla devastazione post sisma.

Il team cremisi dunque, a meno di clamorose sorprese non scenderà più in campo, nonostante la gara di solidarietà e nonostante nella giornata di ieri una delle società avversarie, la Superga 48 di San Giovanni di Baiano avesse teso le mani offrendo il proprio campo, lo stadio “Ivo Rutili”. “Qui purtroppo non è più tempo di calcio, dobbiamo fermare tutto”, dice Altobelli. La stagione del Norcia si chiude dunque con 11 punti in 7 partite, che adesso verranno annullati: tutti coloro che hanno giocato e fatto punti contro i cremisi, se li vedranno sottrarre e il campionato proseguirà con una squadra in meno. Rinviata anche Bacigalupo-Cascia, prevista a Spoleto nello stesso campionato sempre domani.

Ma per adesso i biancazzurri, attualmente primi in classifica insieme a Terni Est e Colonia, vanno avanti: “Il campo è a posto e così gli spogliatoi – dice il direttore generale Francesco Cucci – ma per adesso ovviamente è in uso ai vigili del fuoco. Noi vorremmo ricominciare la prossima settimana l’attività di base, questi ragazzi hanno bisogno di evadere, di distrarsi, ma è chiaro che prima deve fermarsi la terra. Andare a giocare fuori no, piuttosto aspettiamo. Ma vogliamo andare avanti, anche se non sappiamo quando potremo ripartire del tutto”.

Sul fronte Cascia, società storicamente rivale di quella nursina, si registra anche la mano tesa del tecnico degli Allievi Pierluigi Fraschetti, una delle istituzioni del calcio della Valnerina: “Chiedo ai miei attuali dirigenti  di dare la possibilitàa quei ragazzi rimasti a Norcia che praticano il calcio di poter continuare se vogliono questa attività. Ai ragazzi di Norcia dico di non pensare piùal futile campalinismo divertiamoci insieme”

Tags:
Emanuele Lombardini
Emanuele Lombardini

Giornalista, cittadino d'Europa

  • 1

Ti Potrebbe anche Piacere