CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Il ‘Settembre della Rete’ si intreccia fra Magione, Tuoro e Panicale

Eventi Cultura e Spettacolo Trasimeno Città

Il ‘Settembre della Rete’ si intreccia fra Magione, Tuoro e Panicale

Redazione cultura
Condividi

LAGO TRASIMENO – Si è svolta stamani (6 settembre) a Palazzo Cesaroni a Perugia la presentazione di Il Settembre della Rete’, iniziativa dei comuni lacustri di Magione, Tuoro sul Trasimeno e Panicale in collaborazione con il GAL Trasimeno-Orvietano, con il patrocinio dell’ambasciata d’Irlanda, della Provincia di Perugia e del Touring Club Italiano. Testimonial d’eccezione sarà lo stilista Santo Versace, rimasto colpito ed affascinato dai ricami, dai pizzi e merletti del Trasimeno. Nel progetto, che si terrà dal 10 al 17 settembre, intrecci di vario tipo: da quelli legati al filo e alle antiche tradizioni del merletto e del ricamo a quelli delle relazioni internazionali che tendono a lanciare sui mercatini europei ed extraeuropei la tradizione rinnovata, le bellezze naturalistiche, ambientali e culturali, passando per quelli legati ad un’economia “moderna” che vuole far conoscere le sue eccellenze nel mondo. Fulcro del Settembre della Rete sarà la presenza d’importanti delegazioni straniere provenienti dall’Europa e non solo (in particolare dall’Irlanda, dalle Isole Canarie, dal Portogallo, e dalla Russia, regione della YaKutia), che parteciperanno a tutte le iniziative e alle quali sarà presentato il territorio umbro, per l’intera settimana.

Gli interventi – Presenti in conferenza la presidente dell’Assemblea Legislativa Regione dell’Umbria Donatella Porzi, il consigliere della Provincia di Perugia Erika Borghesi, il sindaco di Tuoro Patrizia Cerimonia, l’assessore al Turismo del Comune di Magione Cristina Tufo, il direttore del Gal Trasimeno Orvietano Francesca Caproni, il vicepresidente del Gal Trasimeno Orvietano Valter Sembolini. La presidente Porzi si è detta “Soddisfatta del progetto che si è sviluppato sempre più attorno al tema del ricamo. Con il Settembre della Rete sono stati coinvolti anche i Comuni di Tuoro e Magione, oltre allo storico Panicale, per una promozione unitaria del territorio. Per questo un grande plauso va al Gal che è riuscito con questa iniziativa a sviluppare e fare rete”. “Mantenere vive le tradizioni è significativo per il nostro territorio – ha spiegato il vicepresidente Sembolini, presente anche in veste di presidente della Cooperativa Pescatori del Trasimeno – Le donne che si occupavano del ricamo erano e sono le mogli dei pescatori, hanno una storia millenaria alle loro spalle, per questo occorre mettere in rete tutte le nostre eccellenze e fare promozione a 360 gradi”. “Un’iniziativa sempre più dal carattere internazionale – ha aggiunto la consigliera Borghesi – che mitiga in parte gli effetti negativi che si sono ripercossi nella nostra regione a livello di turismo dopo il terremoto”. “Questo è un anno zero per Isola Maggiore e Tuoro – ha detto il sindaco Cerimonia – il Trasimeno deve tornare e pensare e a realizzare iniziative insieme”. Della stessa idea l’assessore Tufo: “Va promossa l’intera area, non il singolo comune”. Le conclusioni sono spettate a Francesca Caproni: “L’organizzazione del Settembre della Rete è stata complicata, ma ora iniziamo a vederne i frutti. Tre sono le iniziative che raccoglie questo contenitore: la prima ad Isola Maggiore, domenica 10 settembre con “Isola Maggiore e il suo Pizzo d’Irlanda incontrano l’Europa e si aprono al mondo” una giornata interamente dedicata a questa antica tradizione che la marchesa Guglielmi importò da quel lontano paese agli inizi del secolo scorso; la seconda giovedì 14 settembre a San Feliciano, presso il Museo della Pesca, per una tavola rotonda con Istituzioni, delegazioni straniere, università, istituti d’arte e di moda e imprenditori, al fine di implementare un progetto d’internazionalizzazione delle imprese; ed infine dal 15 al 17 settembre torna a Panicale la quinta edizione di “Fili in Trama”, mostra internazionale del merletto e del ricamo che quest’anno annovera settantotto espositori che rappresentano tutte le regioni d’Italia e ben sei paesi europei e non, le quattro delegazioni del Gal (Irlanda, Russia, Portogallo e Isole Canarie) oltre a Francia e Germania che saranno presenti solo a questo appuntamento. ‘Il Settembre della Rete’ non si è dimenticato del terremoto, varie saranno le iniziative culturali e benefiche per i territori colpiti dal sisma”.

Isola Maggiore e il suo Pizzo d’Irlanda incontrano l’Europa e si aprono al mondo (10 settembre) a Isola Maggiore si svilupperà in una giornata interamente dedicata a questa antica tradizione che la marchesa Guglielmi importò da quel lontano paese agli inizi del secolo scorso. Per l’occasione, verranno allestite mostre, iniziative ricreative tradizionali e un convegno dedicato alla Via Europea del Merletto e del Ricamo (progetto di cooperazione internazionale tra i Gal Europei che tende ad essere occasione di promozione dei territori e dell’artigianato di qualità. La giornata sarà allietata da musiche e spettacoli tipici umbri ed Irlandesi).

Istituzioni, imprese e territorio: il processo d’internazionalizzazione quale volano di sviluppo e crescita economica e sociale (14 settembre ore 11) al Museo della Pesca di San Feliciano vedrà una tavola rotonda durante cui partner istituzionali, imprenditoriali locali e delegazioni straniere impegnate in un confronto tematico e progettuale. Le delegazioni delle Isole Canarie saranno composte da un rappresentante istituzionale del Cabildo Insular de Tenerife e un artigiano de Calado y Rosetas de Tenerife, mentre la delegazione russa sarà rappresentata dal Sig.re Demetrio Mazzeo il quale ha già una attività avviata di rapporti commerciali internazionali, da due imprese artigiane e da una delle più famose stiliste della regione russa. Parteciperanno l’assessore regionale Fabio Paparelli e il presidente della Commissione regionale competente Andrea Smacchi, il sindaco di Magione Giacomo Chiodini, il presidente del Gal Massimo Tiracorrendo, imprese dei settori del tessile, dei prodotti tipici agro-alimerntari, del sociale, istituzioni di ogni ordine e grado, Università, CCIAA, l’Accademia delle Belle Arti, Istituti scolastici e altri operatori interessati al tema. La Regione Umbria parteciperà al fine di condividere il progetto e portarlo avanti insieme in sinergia.

Fili in Trama (dal 15 al 17 settembre) torna anche quest’anno fra le mura medioevali del borgo di Panicale. Quinta edizione per la mostra mercato internazionale del merletto e del ricamo accompagnato da un calendario ricco di eventi legati al mondo del ricamo e non solo. Venerdì 15 settembre il programma si aprirà alle ore 16.30 con il saluto ufficiale alle delegazioni straniere da parte delle istituzioni. Alle 17.30 prenderà il via l’inaugurazione della mostra d’arte “Dove la bellezza è…” personale di Mauro Ottaviani e Alfredo Raponi a cura di Luciano Lepri. Settantacinque saranno gli espositori che parteciperanno alla manifestazione, provenienti da tutte le regioni d’Italia e da sei paesi europei e non, con le quattro delegazioni del Gal (Irlanda, Russia, Portogallo e Isole Canarie) oltre a Francia e Germania (presenti solo a questo appuntamento). Le delegazioni straniere saranno rappresentate anche da importanti reltà dei relativi stati e sarà quindi questa l’occasione anche per l’Italia di coinvolgere importanti livelli istituzionali. Sabato 16 settembre alle ore 11.30 presso la sala comunale si terrà il convegno “Fili per la rinascita: da Campotosto a Castelluccio” durante cui interverranno la dottoressa Maura Lepri (antropologa) e il professor Mauro Branda (“I fili della speranza di Campotosto”), la dottoressa Anna Lisa Piccioni (“Una mappa per Castelluccio” Fuseruola Deruta 2017 “Castelluccio nel cuore”), la professoressa Maria Pia Minotti (“I talenti delle donne”), la dottoressa Francesca Caproni (direttore Gal Trasimeno – Orvietano).

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere