domenica 14 Agosto 2022 - 23:22
30.6 C
Rome
- Pubblicità -spot_img

Il Serafico di Assisi in udienza dal Papa: “Ogni persona è preziosa ma ciascuno faccia la sua parte”

Si è svolta presso l'Aula Paolo VI in Vaticano, l'Udienza privata che Papa Francesco ha concesso all'Istituto Serafico di Assisi in occasione del 150° anniversario dalla sua fondazione

ROMA – Quanto vale un essere umano? L’Istituto Serafico di Assisi lo ha sempre avuto ben chiaro, sin dall’inizio del suo lungo percorso al fianco della vita più fragile e indifesa. È da questo presupposto che nasce l’impegno del Serafico, fondato il 17 settembre 1781 da San Ludovico da Casoria, che decise di istituire ad Assisi un’Opera dedicata a San Francesco che si prendesse cura di bambini e ragazzi ciechi e sordi, offrendo loro un’istruzione alla quale all’epoca non avevano accesso. Opera che è proseguita fino ad oggi per rispondere ai bisogni di salute delle persone con grave disabilità, che spesso non trovano risposte adeguate nei servizi sanitari pubblici e finiscono per essere dimenticate.

Nonostante le innumerevoli sfide affrontate nel corso degli anni, la missione del Serafico non è mai cambiata: rendere piena la vita dei ragazzi con fragilità. Un sogno tangibile, che si è coronato nella giornata odierna con l’Udienza privata concessa da Papa Francesco in occasione del 150° anniversario dalla fondazione dell’Istituto. Una data importante anche per il Santo Padre, che proprio il 13 dicembre 2021 celebra 52 anni di ordinazione sacerdotale. Un incontro tanto atteso, che in un clima di duplice festa, ha suggellato il forte legame tra il Serafico e Papa Bergoglio, nato fin dall’inizio del suo pontificato, quando il 4 ottobre 2013 iniziò il suo pellegrinaggio ad Assisi proprio con la visita all’Istituto.

L’incontro col Papa

“Ricordo bene l’ora che trascorsi con voi ad Assisi. Ero venuto a mettermi sulle orme del Santo di cui ho preso il nome. L’incontro con i vostri ragazzi, che salutai uno per uno, mi fece rivivere, in qualche modo, quell’abbraccio agli ultimi che caratterizzò la vita di San Francesco”, con queste parole il Santo Padre ha dato il benvenuto alla grande famiglia del Serafico, ricevuto in Udienza privata nell’Aula Paolo VI.

Viaggio in mare aperto

Ad aprire l’Udienza è stato il discorso di Francesca Di Maolo, Presidente dell’Istituto Serafico di Assisi che, con grande commozione, ha dichiarato: “Questi 150 anni di vita sono stati un viaggio in mare aperto, spinti dall’amore sulla via della fraternità. In questi anni persone straordinarie che hanno scelto di lavorare al Serafico sono state le ali di tanti ragazzi. Sono silenziosi custodi della vita e inconsapevoli costruttori di giustizia e di democrazia. Prendersi cura delle persone più fragili, non è mera assistenza, non è solo un atto di carità, ma è prima di tutto una risposta di giustizia. È riconoscimento della dignità di una persona che ha diritto non solo di sopravvivere, ma di vivere. Amore e giustizia sono inseparabili. Abbiamo il privilegio, ogni giorno, di poter posare gli occhi sui volti dei nostri ragazzi, che ci spalancano la porta del cuore. È proprio questa compassione, che non significa provare pietà, ma sentire l’altro nel cuore, che ci muove in modo inarrestabile. Il Serafico non è un’officina dove si ripara una parte malfunzionante di una macchina. Certo, ci occupiamo della disabilità e del limite, ma il nostro impegno va oltre. Il prendersi cura inizia prima dell’atto medico e assistenziale, nasce nella relazione, cresce attraverso i nostri sguardi e la nostra capacità di tenerezza. La cura si esprime anche nell’attenzione per la bellezza, la musica, l’arte, la preghiera, gli affetti e nell’attenzione per chi lavora al servizio delle persone fragili”.

Il richiamo di Francesco

Forte il richiamo del Papa: “lo Stato e la pubblica amministrazione devono fare la loro parte. Non si possono lasciare sole tante famiglie costrette a lottare per sostenere dei ragazzi in difficoltà, con la grande preoccupazione del futuro che li attende quando non potranno più seguirli. Tanti genitori trovano nella vostra struttura una nuova famiglia per i loro figli. Questo è bello!” Ed è proprio dalla volontà di annullare ogni forma di emarginazione, a favore del consolidamento delle relazioni, che nasce l’impegno del Serafico per i più fragili, che invita tutte le strutture sanitarie di ispirazione cattolica, di cui fa parte, a battersi affinché si realizzi quell’umanizzazione delle cure, capace di favorire una “cultura della vita e della solidarietà, basata sull’inclusione, che affermi con determinazione la dignità di ogni persona”.

“La logica del “Serafico” è l’amore, quello che si impara dal Vangelo alla scuola di San Francesco e di San Ludovico; l’amore che sa leggere negli occhi o nei gesti, anticipa i desideri, non si arrende di fronte alle fatiche, trova ogni giorno la forza di ricominciare, e gioisce di ogni pur minimo progresso della persona assistita. La vita è sempre bella, anche con poche risorse. Talvolta sa sorprendere. So che i vostri ragazzi sanno fare tante cose, diventando piccoli artisti di teatro, di radio o di pittura. Un loro sorriso ripaga di ogni fatica  – ha concluso il Santo Padre –  Ogni sorriso dei vostri ragazzi sarà per voi il sorriso di Dio”.

All’Udienza privata era presente tutta la famiglia del Serafico – con una rappresentanza dei ragazzi e dei loro genitori, di tutte le persone che lavorano per loro, dei volontari, dei sostenitori, dei padri Rogazionisti e delle suore Elisabettine Bigie, rappresentanti della città di Assisi e della Regione Umbria, insieme al Vescovo Mons. Domenico Sorrentino e ai frati francescani del Sacro Convento – che con grande commozione ha omaggiato la vita più fragile e indifesa attraverso canti, letture, l’esecuzione di brani di musica religiosa e la proiezione del docufilm Nella vita c’è la Vita, che racconta il Serafico attraverso gli occhi di Giorgio, un ragazzo ospite dell’Istituto, ma anche attraverso le voci e le testimonianze toccanti di genitori, medici, operatori e di tutto il personale che compone questa Opera storica.

L’Ave Maria di Mogol

L’arrivo di Papa Francesco è stato accolto da un’Ave Maria molto speciale, scritta da Mogol – che presente – per i 150 anni del Serafico e cantata da Savino, uno dei ragazzi dell’Istituto, insieme all’educatore Luigi Petroni. Un omaggio toccante, che ha fatto da apertura ai discorsi della Presidente Di Maolo e del Santo Padre. Infine, dopo i saluti conclusivi, i ragazzi del Serafico insieme alla Presidente Di Maolo hanno consegnato in dono al Papa il foulard celebrativo realizzato dal maestro Claudio Cutuli e ispirato a una delle immagini simbolo dell’Istituto: la Casa, disegnata da alcuni dei suoi ragazzi, in cui l’ortica utilizzata per il filato rappresenta l’erba calpestata e disprezzata che trova sempre la forza di vivere, emblema che racchiude in sé la forza dei ragazzi del Serafico. E il disegno della Casa, con i bambini festosi abbracciati dalle mani di Gesù, che possono essere le mani di tutti noi, rappresenta l’amore compassionevole che vive da sempre nell’opera del Serafico.

- Pubblicità -spot_img

More articles

Ultime Notizie

- Pubblicità -spot_img
- Pubblicità -spot_img

Ultima Ora

[hungryfeed url="http://www.agi.it/cronaca/rss" feed_fields="title" item_fields="title,date" link_item_title="0" max_items="10" date_format="H:i" template="1"]