CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Il quadro nero dell’Ires: “L’Umbria scivola sempre più a sud, crescita nulla”

Economia ed Imprese Perugia Terni

Il quadro nero dell’Ires: “L’Umbria scivola sempre più a sud, crescita nulla”

Redazione economia
Condividi
Un operaio metalmeccanico
Un operaio metalmeccanico
PERUGIA – L’economia dell’Umbria scivola sempre più a Sud. “Sono allarmanti gli ultimi dati consolidati sull’andamento del Pil, riferiti al 2018, che vedono ancora una volta la nostra regione in fortissimo ritardo rispetto a quelle limitrofe e addirittura al di sotto della media del Mezzogiorno”. Ad affermarlo è Fabrizio Fratini, presidente Ires Cgil Umbria.

Cifre “Con una crescita praticamente nulla nel 2018 (+0,07%) l’Umbria si pone, ancora una volta, agli ultimi posti nel Paese, che già cresce a ritmi più lenti del resto d’Europa – continua Fratini – e questo non fa che accrescere il distacco accumulato dalla nostra regione». Distacco che agli occhi dell’osservatorio economico della Cgil Umbria, si fa preoccupante quando viene paragonato a realtà limitrofe. «Colpisce in particolare l’enorme distanza tra la crescita registrata nelle Marche nel 2018 (+3,05%) e il ristagno della nostra economia – commenta Vincenzo Sgalla, segretario generale della Cgil dell’Umbria -. Un dato che conferma ancora una volta la mancanza di un progetto complessivo di rilancio dell’Umbria, che in questi anni abbiamo insistentemente richiesto, purtroppo inascoltati. Sono più di 10 anni che accumuliamo ritardi e per recuperare ce ne vorranno almeno altri 10, ma se non si parte subito con un vero ‘Patto per il lavoro’, sul modello di quello dell’Emilia Romagna, le differenze continueranno ad allargarsi e arriveremo ad una definitiva rottura della tenuta, non solo economica, ma soprattutto sociale dell’Umbria”. Insomma, quadro a tinte fosche.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere