CARICAMENTO

Scrivi per cercare

Terni, il nuovo prefetto: “Citta non problematica, ma serve collaborare”

Cronaca e Attualità Terni

Terni, il nuovo prefetto: “Citta non problematica, ma serve collaborare”

Redazione
Condividi

TERNI – Dopo il suo messaggio di insediamento, oggi, il prefetto di Terni Emilio Dario Sensi ha incontrato la stampa.

“Arrivo a Terni che è una città non segnata da particolari criticità, ma è chiaro che la guardia deve restare alta. Il nostro impegno per la prevenzione dei reati è fondamentale, abbiamo il dovere che la situazione resti così. Il territorio va visto nel suo insieme ed anche per questo, oltre a quelle avviate già con tutte le istituzioni, le forze di polizia e l’autorità giudiziaria, conto molto sulla collaborazione da parte di tutti i sindaci della provincia. I problemi si risolvono cooperando”.

Arriva a Terni dopo una lunga esperienza, sia in Puglia, che a Cagliari, Frosinone e Potenza:”Ho già trovato la disponibilità di tutti e questo è importante – dice – Terni e il suo territorio mi sono stati presentati in maniera ottima e, nonostante ci siano molte cose da fare, sono convinto che potremo raggiungere ottimi risultati. Vertenze lavorative? Proveremo a risolvere i problemi quando ci verranno rappresentati, certo l’assenza di lavoro resta un problema sociale rilevante. Sull’immigrazione recepiremo le indicazioni del Governo”.

Lattanzi. Il prefetto ha poi visitato il presidente della Provincia Giampiero Lattanzi. Durante l’incontro il presidente Lattanzi ha porto al prefetto i saluti personali e quelli dell’amministrazione provinciale, rappresentando idealmente anche il messaggio di benvenuto dei sindaci del territorio. “E’ con estremo piacere che dò il benvenuto al nuovo prefetto ed auguro a sua eccellenza un proficuo lavoro in questa terra laboriosa dove il lavoro è un valore testimoniato con le opere ogni giorno. Terni e il suo territorio sapranno collaborare fattivamente con il nuovo prefetto, così come è sempre stato, offrendo la piena disponibilità personale ed istituzionale per far crescere la comunità sotto ogni punto di vista, da quello economico a quello politico e istituzionale fino a quello culturale e sociale. Sono tempi, quelli che stiamo vivendo, difficili e complessi ma le nostre istituzioni, a livello regionale e locale, sono sane e consapevoli delle sfide che ci attendono.Sfide che riguardano principalmente la salute e il benessere dei cittadini, il lavoro, l’economia, l’ambiente e la coesione sociale, tutti elementi che necessitano di proseguire quell’impegno corale che trova nella prefettura la sua sintesi e il suo punto di riferimento”.

Tags:

Ti Potrebbe anche Piacere

Prossimo